Sanda Urda
No Comments

MotoGP Brno, pole stellare per Lorenzo

Jorge fa paura, ma Rossi e sopratutto Marquez, sono li vicini

MotoGP Brno, pole stellare per Lorenzo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Dopo l’ultima sessione di libere per la MotoGP, FP4, durante la quale Rossi ha abbassato il proprio distacco dal teammate Lorenzo, i big divisi in due gruppi, si sono qualificati per il bwin Grand Prix Ceské republiky, 46° gara della classe regina sul tracciato di Brno.

IL RACCONTO DELLA Q1– I 15 piloti, rimasti fuori dalla top ten della FP3 di stamattina, scendono in pista per giocarsi le prime due posizioni che gli portano in Q2. La battaglia sembrava doversi consumare tra Pole Espargarò (Monster Yamaha Tech3) e Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) che errano in testa nella prima parte di sessione. Nei ultimi minuti a disposizione, Pol si prende la vetta con un crono da Q2: 1’56.212, seguito da Cal Crutchlow (LCR Honda) che batte Petrucci (+0.175 differenza) purtroppo.

foto: Alessandro Giberti

Jorge Lorenzo Brno MotoGP 

IL RACCONTO DELLA Q2- In compagnia di un cielo velato e temperature migliori, i dodici più forti della classe regina, si sono schierati per la qualifica. Lavoro da far’ paura, quello di Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) nel suo miglior giro (con la gomma media al posteriore) coronato dalla pole da record: 1’54.989. Il teammate Valentino Rossi (+0.364), riduce il gap di due decimi e si piazza in terza casella, preceduto da un Marc Marquez (Repsol Honda Team) indiavolato e con pochissima differenza (+0.074). In seconda fila troviamo le due #Ducati ufficiali (Iannone 4° e con 0.037 millesimi da Vale, e Dovizioso 6° che dista mezzo secondo dal quinto)) con in mezzo Bradley Smith in sella alla Yamaha Tech3. In terza fila Maverick Vinales (suzuki Ecstar), l’altra Tech3 di Pol Espargarò, risalito dalla Q1, e nono lo stoico Dani Pedrosa (Repsol Honda Team) con il piede e caviglia sinistra dolorante.

CLASSIFICA Q2:

1 Jorge LORENZO Movistar Yamaha MotoGP 1’54.989
2 Marc MARQUEZ Repsol Honda Team 1’55.063
3 Valentino ROSSI Movistar Yamaha MotoGP 1’55.353
4 Andrea IANNONE Ducati Team 1’55.390
5 Bradley SMITH Monster Yamaha Tech 3 1’55.460
6 Andrea DOVIZIOSO Ducati Team 1’55.935
7 Maverick VIÑALES Team SUZUKI ECSTAR 1’55.954
8 Pol ESPARGARO Monster Yamaha Tech 3 1’55.955
9 Dani PEDROSA Repsol Honda Team 1’55.969
10 Cal CRUTCHLOW CWM LCR Honda 1’56.192
11 Hector BARBERA Avintia Racing 1’56.399
12 Yonny HERNANDEZ Octo Pramac Racing 1’56.739

HANNO DETTO:

Jorge Lorenzo: ” Sono davvero fiero dei miei due tempi.. Il primo è stato impressionante ma non abbastanza per fare la pole, per quale ho dovuto migliorare di due, tre decimi per mantenere il vantaggio su Marc. Mi sorprende il mio tempo, ma sopratutto non mi aspettavo che Marquez e Rossi migliorassero così tanto. Il mio giro della pole è perfetto, ad eccezione del’ultima curva. Per domani abbiamo un buon passo. Vedremo domani, che tempo farà e cosa faranno i nostri rivali dopo qualche giro, ma siamo fiduciosi.”

Valentino Rossi: “Visto che Marc e Jorge  sono perfetti in qualifica, ho dovuto fare meglio anche io. Sono contento per la prima fila di oggi, che è la seconda di quest’anno, anche perché ho lavorato molto bene con il team. Già stamattina abbiamo trovato una buona direzione di lavoro e questo pomeriggio abbiamo migliorato il setting, e il nostro passo è migliorato. Come ho detto, qui è molto importante partire dalla prima fila, perché sarà una gara dura.”

Marc Marquez: “In qualifica l’obiettivo principale era chiudere in prima fila, ma ho spinto anche per la pole perché ho visto che il potenziale era buono e ho cercato di essere li, vicino a Jorge, e alla fine erravamo veramente vicini pero lui ha fatto un giro incredibile. Credo comunque che per domani la cosa più importante sia il ritto e noi ci siamo. Nel warup cercheremo di migliorare lo stile di guida, piuttosto che il set-up, credo di poter migliorare il mio stile e in gara sarò li, per cercare di stare con i piloti Yamaha.”

Andrea Iannone: “Sarebbe stato difficile riuscire a migliorare il mio tempo perché ho spinto veramente tanto ed ero al limite, ma ho comunque cercato di tirar fuori tutto quello che potevo. L’utilizzo della gomma morbida posteriore, qui non ci aiuta. Adesso sarà importante trovare qualche altro decimo per migliorare il passo, già buono se comparato a quello delle ultime gare. per questo motivo voglio ringraziare tutti i ragazzi del team e gli ingegneri; qui stiamo soffrendo di meno, e dobbiamo continuare a lavorare per arrivare il più vicino possibile ai primi e mettergli il fiatto sul collo.

@rajasanda31

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *