Cristy Marinari
No Comments

Spettacolo made in China

Tra errori ed orrori dell'organizzazione cinese, esplode la furia bianconera

Spettacolo made in China
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Allo Shangai Stadium è l’arbitro Luca Banti a fischiare l’inizio del match. La Juventus scende in campo con la maglia tradizionale che fa tanto radical chic, Massimiliano Allegri punta su Kinglsley Coman al fianco di Mario Mandzukic, mentre le chiavi del centrocampo sono affidate a Pual Pogche ha appena ereditato il prestigioso numero 10. La Lazio sfoggia il restyling di Federico Marchetti che da un taglio alla chioma, Antonio Candreva che ha accorciato la barba da hipster e Lucas Biglia  dopo le polemiche, indossa per la prima volta la fascia da capitano. Gli undici di Stefano Pioli portanno la divisa già indossata nella finale di Coppa Italia persa proprio contro la Juventus, con la scritta in cinese La Lazio saluta Shangai, in omaggio all’accoglienza cinese.

PRIMO TEMPO DEI DISASTRI – Il terreno di gioco è impraticabile, più simile ad un campo di pomodori. Ci si mette a tirar beffe anche il clima, il fortissimo vento infatti disturba non poco le azioni e l’audio dei microfoni, infine la Rai fa di tutto per adeguarsi alle riprese Made in China. L’azione più pericolosa che poteva portare in vantaggio la Lazio non l’abbiamo vista per le dubbie scelte di inquadratura. Assurdo. Prima di andare a giocare un trofeo simile in posti così lontani e inadeguati, speriamo che la Lega ci si pensi due volte, ma dubito che ascolterà le nostre richieste.

FURIA BIANCONERA – Dopo due occasioni sprecate a inizio ripresa, esplode definitivamente la furia bianconera e in appena quattro minuti di delirio chiude la partita. Ancora una volta la maledizione delle due reti subite nel secondo tempo perseguita la Lazio che perde di mordente. Al 69′ minuto arriva il gol di testa di Mario Mandzukic e subito dopo al 73′ la prima rete in maglia bianconera del fenomeno Paulo Dybala. La Lazio prova a reagire, ma la punizione tirata da Antonio Candreva non l’abbiamo vista per una svista, Cina e l’immagination power grazie ancora. La Rai continua a scusarsi lanciando un messaggio tra le righe: pagate il canone, non è colpa nostra! La Juventus resiste agli assalti biancocelesti e trionfa chiudendo il match col risultato di 2-0. La Lazio promette ma non mantiene e visti gli ultimi risultati forse sarebbe il caso per il presidente Claudio Lotito di metter mano al portafolglio, pesantemente.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *