Roberto Cusimano
No Comments

Fallimento Parma, il Brescia ripescato in B

I lombardi hanno ottenuto il ripescaggio battendo la concorrenza di Cittadella e Lecce, giusto merito per un club che vanta grande tradizione in cadetteria

Fallimento Parma, il Brescia ripescato in B
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La notizia era nell’aria già da qualche giorno ma solo ieri è arrivata l’ufficialità: sarà il Brescia a ricoprire il vuoto lasciato vacante dal Parma (che in seguito al fallimento ripartirà dai Dilettanti) in vista del prossimo campionato di Serie B. Le Rondinelle hanno battuto la concorrenza di Cittadella e Lecce, che a loro volta avevano fatto domanda di ripescaggio. Ma la squadra che maggiormente ha soddisfatto i tre criteri stabiliti dalla Lega di Serie B (classifica finale dell’ultimo campionato, tradizione sportiva della città e media spettatori negli ultimi cinque anni) è stata proprio quella del neo tecnico Boscaglia. Il campionato, che partirà tra un mese preciso, non conosce ancora tutte le ventidue squadre poiché ci sono altre due situazioni da risolvere, ovvero quelle relative a Catania e Teramo. I siciliani sicuramente verranno retrocessi di una o due categorie dopo lo scandalo delle partite truccate facendo così salvare la Virtus Entella, che era retrocessa in seguito alla sconfitta nel play-out. Diverso il caso del Teramo, che potrebbe cavarsela con punti di penalizzazione senza perdere la possibilità di giocare in B anche se dietro l’angolo c’è l’Ascoli che ancora spera nel ripescaggio. Entro fine mese sarà chiaro il quadro completo delle partecipanti: la speranza è che non si ripetano più eventi del genere che fanno solo male al calcio, quello pulito, basato sulla sana rivalità sportiva.

Roberto Cusimano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *