Raul Parrella
No Comments

La “10” ad Insigne, pazza idea o blasfemia?

Nel nuovo ruolo di trequartista, Lorenzo Insigne sembra pronto a stupire tutti. Ma affidargli la dieci adatta a lui e alla sua nuova posizione è chiedere troppo?

La “10” ad Insigne, pazza idea o blasfemia?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nell’immaginare questa possibilità non sembra possibile esagerare, visto che è quasi sicuro che un altro “Diez” non nascerà mai più e qualora questo accadesse il Napoli difficilmente potrebbe competere con i vari sceicchi o multimiliardari russi o imprenditori asiatici di turno. I partenopei adesso hanno un “Dieci normale”, alla Del Piero (suo idolo) o Totti (molto più simile per storia calcistica, è uno “scugnizzo”, viene dal vivaio, è sogna di restare nella sua squadra del cuore per sempre, magari con la fascia da capitano).

Giusto o sbagliato dare la "10" ad Insigne?

Giusto o sbagliato dare la “10” ad Insigne?

PAZZA IDEA.. BLASFEMIA? – L’idea nasce dalla nuova avventura del Napoli, che grazie ad acquisti oculati ed ad un nuovo sistema di gioco proverà l’assalto alla qualificazione alla Champions e, perché no, anche allo scudetto detenuto dalla Juve. Il nuovo Napoli di Sarri prevede, nel 4-3-1-2, il trequartista, insomma il tipico numero 10, che è stato anche cercato sul mercato (Saponara) su indicazione del mister, ma viste le richieste spropositate dell’Empoli l’obiettivo è stato subito abbandonato. Dopo i primi giorni di ritiro mister Sarri ha ricevuto la richiesta da parte di Insigne di giocare in quella posizione e nei primi test il calciatore sta dimostrando di interpretare alla perfezione il ruolo, avendo nel suo DNA colpi da campione e fantasia, qualità necessarie per giocare in quella parte del campo.

Di certo toccare questo argomento e soprattutto quella maglia è una sorta di blasfemia, ma finché il numero non sarà ritirato pare normale che qualsiasi ragazzino sogni di indossare quella maglia. Anche se Lorenzo Insigne non è nettamente ai livelli del predecessore del “10”, sarebbe molto bello rivedere quel numero in campo, anche perché lo scugnizzo napoletano avrebbe un motivo (gigantesco) in più per giocare al meglio delle sue qualità in un ruolo adatto a lui e alla sua nuova ipotetica maglia.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *