Connect with us

Football

I tre uomini ombra dello staff di Massimiliano Allegri

Pubblicato

|

Allegri tira un sospiro di sollievo

Triplete sfiorato e un anno che rimarrà per sempre impressa nella memoria di milioni di tifosi bianconeri. La stagione 2014-2015 è stata quella della consacrazione europea della Vecchia Signora, più precisamente del ritorno agli antichi splendori di un club che è sempre stato protagonista del palcoscenico continentale più ambito. Massimiliano Allegri e il suo staff hanno letteralmente rivoluzionato dal punto di vista psicofisico una rosa che ha sempre dominato in campo nazionale e spesso deluso al di là delle Alpi. Il calo di rendimento con il passare dei mesi è stato uno dei punti deboli della Juventus dell’attuale commissario tecnico della nazionale, calo di condizione che era sufficiente per vincere a mani basse in Italia, ma che non bastava per competere con i club più importanti a livello europeo. Quest’anno la Vecchia Signora è stata ad un passo dal coronare una splendida cavalcata in Champions League, ma nella finale di Berlino ha dovuto subire la supremazia tecnica di una squadra mostruosa come il Barcellona di Luis Enrique e Messi.

Quest’anno il ritiro è scattato il 16 luglio, dopo la fase di pre-ritiro che ha visto come protagonisti Kwadwo Asamoah, Martin Caceres e il nuovo arrivato Sami Khedira. Massimiliano Allegri e lo staff tecnico hanno pianificato al dettaglio un piano di allenamenti finalizzati al miglioramento delle prestazioni e del rendimento dei giocatori nelle fasi cruciali della stagione.

Le tre figure chiave di questa fase di preparazione alla prossima stagione sono rappresentate da Simone Folletti, preparatore atletico, Stefano Grani, riatletizzatore e Roberto Sassi, responsabile training check. Il sodalizio tra Folletti e il tecnico toscano, allo stesso modo del vice allenatore Landucci, è iniziato ai tempi in cui Allegri allenava la Ferrarese. Dopo una breve parentesi con Cuccureddu, i due si sono ricongiunti a Cagliari, e da quel momento non si sono piu’ separati. Folletti crede fermamente nell’individualizzazione della preparazione atletica, attraverso lavori mirati per ciascun calciatore e archivia nel dettaglio tutti i dati prestazionali

Stefani Grani, ex infermiere e massaggiatore, collabora con il coach livornese dai tempi dell’Aglianese. Il fisioterapista bianconero è anche un maniaco della dieta, elemento fondamentale nel coadiuvare la preparazione fisica dei calciatori sia nella fase di ritiro, sia durante  il corso della stagione. Mediamente un calciatore consuma 3600 calorie, – come testimonia uno studio compiuto da World Sports Food Fight, che ha messo a confronto le differenti diete utilizzate dagli sportivi e il rispettivo consumo in calorie. Grani e i suoi collaboratori curano nel dettaglio ogni aspetto, per migliorare al massimo le prestazioni bioenergetiche dei calciatori. Il miglioramento delle caratteristiche bioenergetiche viene considerato dal team di Allegri come la base per mantenere una costanza di rendimento nel corso della stagione.

Il terzo uomo ombra di Max Allegri è il 61enne Roberto Sassi, responsabile training check, che lavora nel settore del calcio professionistico da quasi 40 anni. Sassi è uno dei guru più esperti nelle cure muscolari dei calciatori, grazie alla sua costante ricerca di metodi di ricerca innovativi finalizzati al ridurre ai minimi termini il rischio di lesioni muscolari. I suoi metodi hanno avuto risultati eccellenti nel primo anno di esperienza a Vinovo.

@SportCafe24

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending