Massimiliano Riverso

Vietato vendere le ‘pippe’

Le difficoltà nel cedere i brocchi che pullulano nella rosa nerazzura porterà inesorabilmente al sacrifico di Xherdan Shaqiri

Vietato vendere le ‘pippe’
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Riuscirà Roberto Mancini a disfarsi di Xherdan Shaqiri? Riuscirà l’FC Internazionale a completare il piano di autodistruzione dell’attaccante di origini kosovare? Interrogativi che balenano nella mente del tifoso nerazzurro medio, dubbi amletici e un enigma che probabilmente verrà risolto a breve termine per un pugno di euro.

Il plan della dirigenza nerazzurra (con Mancini a capo) è ormai palese, a prova di tribuna: sbolognare Shaqiri per fare cassa e cancellare una delle prove tangibili della disastrosa campagna di gennaio.

Ma siamo veramente sicuri che Xherdan non sia più utile alla causa nerazzurra? Sicuro che i vari Perisic, Jovetic e Salah vari siano più forti dell’attaccante svizzero? Mah… Una seconda chance Xherdan l’avrebbe meritata, una seconda opportunità per mostrare alla platea di San Siro tutto il suo reale potenziale e di non essere uno Schelotto qualunque. Lothar Mattheus non ha poi tutti i torti, pur esagerendo sempre nei toni e nei modi come faceva nelle sue notti bollenti vissute tra i locali dei Navigli.

Rispedire Shaqiri in Alemania sarebbe una sconfitta per il progetto green tanto sbandierato ai quattro venti da Thohir, un clamoroso dietrofront della società petrol-indonesiana nei confronti di quello che doveva essere il nuovo crack dell’Inter 2.0 di Mancini.

La necessità di fare cassa vendendo i pezzi pregiati è una priorità finanziaria visto che le pippe in rosa difficilmente muoveranno il loro sedere da Appiano Gentile. Lo abbiamo capito, adesso aspettiamo solo che il suo destino si compia.

@MassiRiverso

Share Button