Davide Terraneo
No Comments

Voilà Vuillermoz, Nibali annaspa. Le pagelle dell’ottava tappa

Il francese stacca tutti sul Mur de Bretagne e conquista la sua prima tappa al Tour. Il siciliano perde contatto e preoccupa l'Astana

Voilà Vuillermoz, Nibali annaspa. Le pagelle dell’ottava tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Colpaccio di Vuillermoz sul Mur de Bretagne, e il Tour de France inizia a parlare francese. Il corridore della AG2R si è imposto nell’ottava tappa dell’edizione numero 102 della Grand Boucle anticipando Daniel Martin e il resto del gruppo, staccato di 10 secondi. Queste le pagelle della frazione odierna.

VUILLERMOZ 10 – Perfetto nella scelta del momento in cui piazzare la stoccata vincente, riesce ad evitare di essere seguito e festeggia la sua prima vittoria alla Grand Boucle. Se per la classifica generale sarà un’annata difficile per i francesi, il corridore della AG2R può regalare altre soddisfazioni.

FROOME 8 – Controlla la corsa da padrone e anche quando la sua squadra si squaglia sul finale prende in mano le redini mettendosi lui stesso in testa per evitare scatti e mettere in difficoltà gli avversari per la generale. Alla fine gli sfuggono solo Vuillermoz e Martin, due poco pericolosi nella lotta per la gialla. E per fortuna che questo genere di salite non si adattano alle sue caratteristiche.

SAGAN 7,5 – Riesce a rimanere nella prima parte del gruppo anche su pendenze non adattissime alle sue caratteristiche con Froome a dettare il ritmo, ma ancora una volta si deve accontentare del piazzamento. Di certo oggi non aveva le gambe per seguire i due che sono scappati, e alla fine anche Valverde lo beffa allo sprint. Non poteva fare di più.

MARTIN 7 – L’irlandese era tra i favoriti e la Cannondale-Garmin si è dannata l’anima per evitare brutte sorprese, ma nel momento decisivo si lascia scappare Vuillermoz e scatta troppo tardi per inseguirlo. Occasione d’oro sprecata, ne avrà altre su montagne più dure. Peccato.

VALVERDE 7 – A metà tra bodyguard di Quintana e sprinter della Movistar, il campione nazionale spagnolo non inventa nulla e rimane nella pancia del gruppo maglia gialla fino al momento della volata finale, dove riesce a conquistare il terzo posto. L’impressione è che con un atteggiamento così difensivo potrebbe non avere soddisfazioni in questo Tour.

GALLOPIN 6 – Il francesino aveva entusiasmato sul Muro di Huy, ma in una salita a lui più congeniale non trova la forma giusta e viene anche superato in volata da Valverde e Sagan. Il quinto posto non è comunque da buttare via.

RODRIGUEZ 5,5 – Tra i favoriti di giornata, Purito si mantiene costantemente nelle primissime posizioni sulla ruota di Chris Froome mostrando una buona condizione, ma rinuncia a scattare per vincere prima e a sprintare per il terzo posto poi. Rimandato.

DEGENKOLB 5,5 – Il tedesco non sembra al massimo della condizione: prima in un traguardo volante in salita si fa beffare dal meno quotato Greipel, poi si stacca 5 km prima del Mur de Bretagne, dove poteva dire la sua. Le opportunità di vincere una tappa sono ormai al lumicino.

BARDET 5 – Il giovane della AG2R perde venti secondi da Froome e gli altri, confermando che difficilmente potrà lottare per un posto nella top 5 di questo Tour. Poco meglio di lui il connazionale Pinot, ormai rassegnato a battagliare solo per una tappa.

NIBALI 4,5 – Il vero sconfitto della tappa di oggi. Il siciliano inizia il Mur de Bretagne con i migliori ma piano piano perde terreno e si stacca dal gruppo maglia gialla, perdendo 20 secondi da Vuillermoz e 10 dagli altri uomini di classifica in poco più di un chilometro. Un segnale a dir poco preoccupante a 24 ore da una cronosquadre in cui dovrà difendersi dalla Sky di Froome. Intanto il distacco dal britannico si avvicina ai due minuti. Se il buon giorno si vede dal mattino…

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *