Connect with us

Moto Gp

MotoGP Sachsenring, Marquez non l’ha mandata giù

Pubblicato

|

Foto: Alessandro Giberti
Foto: Alessandro Giberti

Stretta di mano all’inizio conferenza

Alle porte del nono weekend in stagione, il paddock MotoGP sosta a Sachsenring, in Germania, per il GoPro Motorrad Grand Prix Deutschland. Il tracciato tedesco non favorisce molto gli eroi blu #Yamaha che si litigano la testa della classifica iridata, mentre in casa #Honda, Marquez è top favoriti e si presenta incarognito dopo il secondo posto ad Assen.

Come da manuale, le danze si aprono il giovedì con la tradizionale conferenza stampa ufficiale. All’appello sete piloti stavolta, capitanati ancora da Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP), leader del mondiale fin dal Qatar, accompagnato dal team-mate Jorge Lorenzo, secondo in classifica e quale non ha mai vinto il GP tedesco, Andrea Iannone (Ducati Team) che è terzo e Marc Marquez (Repsol Honda Team) quarto. Visti i progressi, hanno partecipato anche Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) e Aleix Espargarò (Team Suzuki Ecstar). Stefan Bradl (Athinà Forward Racing) partecipa in conferenza, ma sarà spettatore dello spettacolo dei prossimi giorni, causa la frattura dello scafoide subita a fine gara dello #DutchGP, il sostituto è il nostro Simone Corti. Altra novità, Marco Melandri  firma il divorzio con l’Aprilia che ricorre al collaudatore Laverty (fratello di Eugene).

VALENTINO ROSSI– Ultima vittoria a Sachsenring del dottore risale al 2009, ma quest’anno sembra simile visto il dominio assoluto fin dall’inizio stagione. “Secondo me la scelta della gomma anteriore sarà la chiave della gara. La Bridgestone qui ha portato molte soluzioni per l’anteriore, penso che questa pista sia la più difficile in tal senso insieme a Phillip Island. Per questo tracciato la gomma asimmetrica può essere un aiuto. Vedremo domani, quando la proveremo, soltanto allora potremo valutarla.

JORGE LORENZO– ” Proprio così, non ho mai vinto qui nei miei 12 anni di partecipazione al Campionato del Mondo, ma non è mai troppo tardi! Ci proverò anche questa volta! Sarà importante iniziare col piede giusto dalle prime prove libere e cercare di avere un buon passo e un buon feeling. In alcuni settori ad Assen avevamo dei grossi problemi, il mio obiettivo qui è quello di iniziare forte e continuare a migliorare passo dopo passo, trovando la messa punto ideale.”.

ANDREA IANNONE– Netta la crescita del pilota di Vasto, che risponde composto e sincero, dopo un quinto ottenuto l’anno scorso qui. “Ho disputato un buon inizio di stagione e cono molto soddisfatto dei risultati. Tutto questo perché la GP15 è migliorata tantissimo, è completamente diversa rispetto alla moto che guidavo l’anno scorso. Sono arrivato sempre nelle prime 5 posizioni nelle ultime gare, voglio ottenere un buon risultato prima di andare in vacanza“.
MARC MARQUEZ– La vicenda della chicane con Rossi, non l’ha ancora digerita e sembra pronto per la guerra e reduce da cinque successi in Germania. “Dopo il round di Assen sono fiducioso, abbiamo dimostrato di esser tornati a un buon livello. Il Sachsenring è stato sempre un circuito sul quale mi sono trovato bene. È stato positivo finire la gara in Olanda, specie perché venivo dalle battute di arresto al Mugello e al Montmelò. Quindi il secondo posto per me è valso quanto una vittoria. Ora dobbiamo continuare in questa direzione.

CAL CRUTCHLOW– Miglior satellite in Olanda e un decimo posto del 2014 qui, ha risposto: “Ad Assen non è stato affatto male finire sesto, specie dopo tre gare senza punti. Tutto il team ha fatto un ottimo lavoro, anzi, credo che avremmo potuto anche far meglio. Qui al Sachsenring sento di poter far bene, è un tracciato che mi piace e non vedo l’ora di correre con la mia Honda.

ALEIX ESPARGARO– Chiamato in causa per i favolosi risultati ottenuti in qualifica (doppia pole) con la sua GSX-RR e il sesto posto dell’anno scorso qui. “Siamo tutti molto soddisfatti delle nostre performance e, nonostante la moto sia completamente nuova, non siamo poi così lontani dai ragazzi davanti. Se non per i punti, sono molto contento del feeling crescente. Gli ingegneri e tutto il team stanno facendo un ottimo lavoro. Se guardiamo indietro, a dove eravamo all’inizio, stento a credere a dove ci troviamo adesso. E siamo solo a metà stagione!”

STEFAN BRADL– “Come tutti sanno, lo scafoide è una parte molto delicata. I medici mi hanno sconsigliato di correre, ho bisogno di recuperare. Per fortuna, ho a disposizione tre settimane di vacanze per recuperare e tornare in forma! Abbiamo avuto un inizio di stagione difficile, con qualche inconveniente d’elettronica, ma il nostro potenziale è alto e ancora non l’abbiamo dimostrato a pieno.”

Ancora gomma asimmetrica e basse temperature per tutti, ma con un tracciato corto e al 80% sulla sinistra (come l’ho descrive Valentino), non diamo nulla per scontato. L’attività in pista inizia venerdì mattina, alle 9 con le prime prove libere Moto3.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending