Connect with us

Ciclismo

Greipel concede il bis ad Amiens

Pubblicato

|

Greipel quinta tappa Tour

Greipel vince la sua seconda tappa in questo Tour de France battendo, in volata, sul traguardo di Amiens, Sagan e Cavendish. Nessun cambiamento in classifica generale con il tedesco dell’Etixx Quick Step Tony Martin che si conferma maglia gialla.

LE CADUTE – Una tappa senza particolari asperità quella odierna e, nonostante i continui saliscendi, il percorso è disegnato per i velocisti. Ma le vere difficoltà per i corridori sono rappresentate dal maltempo, dal vento e dalla pioggia che causano numerose cadute. Subito al km 12 toccano terra quattro corridori della Cofidis con Bouhanni portato via in ambulanza. Una ventina di chilometri dopo, un’altra caduta in cui, tra gli altri, rimane coinvolto Greg Van Avermaet. I capitomboli si susseguono: cadono Bryan Coquard (Europcar), Bauke Mollema (Trek), Nicolas Roche (Sky)  e altri corridori dell’Europcar. L’ultimo episodio avviene a circa 25 km dal traguardo con una ventina di corridori coinvolti tra cui Pozzato, Tosatto e Paolini.

Sagan è stato beffato da Greipel sul traguardo di Amiens.

Sagan è stato beffato da Greipel sul traguardo di Amiens.

LA CORSA – Ovviamente tutto ciò causa un frazionamento del gruppo ma tutti gli uomini di classifica rimamgomo comunque nel primo troncone formato da un centinaio di corridori . La fuga di giornata ha visto come protagonista  Pierre Luc Perichon (Bretagne), che, per pochissimi chilometri, ha avuto come compagno d’avventura Nicolas Edet della Cofidis. Il corridore francese ha avuto anche un vantaggio di tre minuti ma è stato ripreso a 97 km chilometri dal traguardo. Poco spazio quindi con le squadre degli uomini di classifica e dei velocisti in testa alla corsa a dettare il ritmo. Greipel, Sagan, Cavendish e Kristoff: erano loro gli uomini più attesi. Il tedesco si è imposto con una volta di forza e prepotenza bissando così il successo di Zelande. Lo slovacco negli ultimi metri è apparso in grande rimonta ma forse è partito troppo tardi. Il britannico dell’Etixx Quick Step, protagonista di una foratura a 67 km dal traguardo, è invece rimasto chiuso trovando un varco solo negli ultimi 200 metri quando oramai Greipel aveva già spiccato il volo. Nono posto per Cimolai, il primo degli italiani.

Gianpiero Farina

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending