Connect with us

Buzz

Chi sono i 5 bidoni top della stagione 2014-2015?

Pubblicato

|

Doumbia e De Rossi esultano dopo il gol dell'1-0

Ogni anno, a fine stagione, si tirano le somme: posizione in classifica, risultato in bilancio, le minusvalenze, le plusvalenze, i calciatori da tenere sott’occhio, quelli da confermare…e quelli da sbolognare perché non hanno reso. I bidoni.
Ogni anno c’è sicuramente, in ogni squadra, quell’acquisto che non ha reso, vuoi per un adattamento tardivo, vuoi per infortuni vari, vuoi perché è inadatto al livello del calcio italiano (anche se qui ce ne vuole…).

Quali sono stati i 5 bidoni top del campionato 2014-2015?

Posizione numero 5: Romulo. L’esterno, tornato a Verona dopo il flop alla Juventus, in realtà non ha mai potuto dimostrare il suo valore. Si è infortunato poco dopo l’inizio della stagione ed è tornato alla Juventus soltanto nel finale, non guadagnandosi però il riscatto dagli scaligeri. Entra di diritto nella classifica dei bidoni, ma speriamo per lui che possa giocare di nuovo ai livelli della stagione 2013-2014.

Posizione numero 4: Ashley Cole. La Roma aveva bisogno di un esterno sinistro coi fiocchi, per via dei problemi fisici di Balzaretti. Perché non provare, come la Juve con Evra, a prendere un esperto dalla Premier League? Detto fatto. Ma l’inglese, a differenza del francese bianconero, autore di una buona stagione, non è mai decollato, ed ha perso il posto addirittura nel ritiro precampionato, ad opera di Holebas…che non è sicuramente Giacinto Facchetti.

Posizione numero 3: Doumbia. Un altro romanista. Nel mercato di gennaio, Walter Sabatini vende Destro al Milan e piazza il colpo Doumbia dal CSKA Mosca. L’ivoriano è in Coppa d’Africa con il compagno di squadra Gervinho, e al suo rientro Garcia lo schiera per 90′. Un vero e proprio disastro, condito dai fischi di tutto l’Olimpico per una prestazione che definire orrenda è un eufemismo. Riuscirà anche a segnare due gol in sei mesi, ma la sua avventura a Roma si sta già per concludere.

podolski bocce

Podolski pratica il suo sport preferito con i coetanei alla Pinetina

Posizione numero 2: Podolski. Arriva in pompa magna dall’Arsenal, perché vuole mettersi in mostra in quanto Wenger non gli aveva dato (a detta sua) la possibilità di giocare quanto meritava. I tifosi dell’Inter prendono in giro i propri cugini del Milan, che si facevano beffe perché Prinz Poldi era la seconda scelta ad Alessio Cerci, finito proprio in rossonero. Guerra tra poveri, si direbbe. Lukas riesce a mettere a referto addirittura 1 gol in 16 partite, ma la sua avventura finirà malissimo in nerazzurro: costretto a giocare…a bocce.

Posizione numero 1: Fernando Torres. Inzaghi + Torres era la coppia che faceva sognare Galliani, Berlusconi e tutti i milanisti, perché con questo calciomercato scoppiettante (??) i rossoneri potevano pensare addirittura allo scudetto. Nell’esordio da titolare, contro l’Empoli, addirittura segna (unico suo gol), e stavolta i sogni stanno per diventare realtà. No, non sarà così. Fernando giocherà solo il girone d’andata con il Milan, solo 10 partite. Poi andrà via, in direzione Atletico Madrid.

Purtroppo i posti disponibili erano solo 5 e non siamo riusciti a far rientrare nella classifica tutti i grandi che non hanno segnato la storia del calcio italiano e della stagione 2014-2015. Avremmo voluto aggiungere sicuramente il fantasma Michu, o l’oggetto di una telenovela interista quasi infinita, naturalmente stiamo parlando di M’Vila, e abbiamo addirittura escluso Emanuelson.

Tutti questi, però, restatene certi…non resteranno nel nostro cuore.

Luigi Fontana
@luigifontana24

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending