Connect with us

Ciclismo

Greipel volpone, Cavendish sprecone. Le pagelle della 2^tappa

Pubblicato

|

Andrè Greipel, vincitore della seconda tappa del Tour 2015

Era l’atteso protagonista e non ha deluso le aspettative. No, non stiamo parlando dell’ottimo Andrè Greipel, vincitore della seconda tappa del Tour de France, ma del vento, vero e proprio mattatore della prima frazione in linea di questa Grand Boucle. Ecco le pagelle della giornata odierna, ricca di emozioni e colpi di scena.

GREIPEL 10 – Azzecca ogni decisione, facendo lavorare la sua squadra nella prima parte della frazione e permettendo che la corsa esploda. Poi intuisce che può limitarsi a stare a ruota e lascia che la Etixx e Sagan si sfianchino per piazzare la zampata vincente nel finale. Non era tra i favoritissimi, ha dimostrato estrema lucidità.

SAGAN 9 Si fa trovare davanti quando il gruppo si spezza, lavora per Contador e riesce a rientrare anche quando una foratura sembra metterlo fuori dai giochi. Gli manca solo il guizzo per beffare Greipel, ma è questione di centimetri. La condizione è tornata e nei prossimi giorni potrebbe portare grosse soddisfazioni.

Andrè Greipel, vincitore della tappa odierna

Andrè Greipel, vincitore della tappa odierna

CANCELLARA 8 Sornione nel gruppetto dei migliori, non prende un filo di vento fino a 50 metri dall’arrivo, quando si stacca dalla ruota di Sagan per superare Cavendish e conquistare la maglia gialla. Non poteva chiedere di più alla tappa odierna.

FROOME 7,5 – Sempre nella posizione giusta per evitare guai e rimanere davanti. Nella tappa in cui molti pensavano di attaccarlo guadagna su tutti i suoi principali rivali, dimostrando di avere energie anche nel finale, quando si piazza settimo allo sprint e rosicchia quattro secondi a Contador.

CONTADOR 7 L’importante era stare davanti. Missione compiuta. Lo spagnolo non sembra ancora al top ma rimane in scioltezza nel primo troncone e scala un solco interessante su Froome e Quintana. Discutibile la tattica con Sagan, utilizzato a solo in alcuni frangenti per tirare. O lo si fa lavorare per guadagnare il più possibile o lo si tiene coperto per vincere la tappa. Sagan per un’altra volta.

NIBALI 6 Lotta con il coraggio del leone in gabbia, ma se Froome e Contador rimangono nel gruppo Greipel e lui no ci deve essere un motivo. La squadra non lo supporta e alla fine il passivo è pesante per essere la prima tappa in linea. Nervoso e sfortunato, ha tutto il tempo per recuperare e far valere le sue doti.

QUINTANA 5 Tra i primi uomini di classifica a perdere il contatto con i migliori del plotone, non appare mai in ottima condizione e si attarda, non riuscendo più a recuperare. E’ giovane e dovrà migliorare nel posizionamento all’interno del gruppo.

RODRIGUEZ 4,5 Probabilmente il peggiore dei capitani. Rimane in posizione arretrata ben due volte e non è in grado di rientrare, mal supportato da una squadra non all’altezza. L’impressione del cronoprologo è confermata da una giornata disastrosa: difficilmente Purito sarà in grado di fare classifica.

CAVENDISH 4 Spreme la sua squadra facendo lavorare a lungo Tony Martin e Michal Kwiatkowski per poi ritrovarsi con il solo Renshaw a 700 metri dall’arrivo. Decisamente troppo presto per pensare di battere la concorrenza, e infatti il britannico perde anche la terza posizione che avrebbe permesso a Martin di vestire la maglia. Oltre il danno la beffa.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending