Davide Terraneo
No Comments

Tour de France, presentazione della seconda tappa

La Utrecht-Zelande è terreno fertile per i velocisti, con Cavendish favorito su Greipel e Kristoff. Per gli uomini di classifica pericolo vento

Tour de France, presentazione della seconda tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Archiviata la cronometro iniziale con la convincente prestazione di Dennis è il momento della prima tappa in linea dell’edizione 102 del Tour de France. I corridori saranno ancora impegnati lungo le strade dei Paesi Bassi, in attesa di spostarsi prima in Belgio e poi in Francia.

PERCORSO – I 166 chilometri di questa seconda frazione del Tour de France porteranno la carovana da Utrecht a Zelande, in un percorso completamente pianeggiante che presenta solo un piccolo strappetto nei pressi di Rotterdam, più o meno a metà percorso. In ogni caso non è presente nemmeno un Gran Premio della Montagna nella tappa odierna, per cui per assegnare la prima maglia a pois di quest’edizione del Tour bisognerà attendere l’arrivo di domani.

L'altimetria della seconda tappa del Tour de France

L’altimetria della seconda tappa del Tour de France

INSIDIE – Il pericolo principale in territorio neerlandese è costituito dal vento. Le squadre degli uomini di classifica dovranno fare molta attenzione a tenere i capitani nella prima parte del gruppo per evitare frazionamenti che farebbero perdere terreno prezioso. La possibilità di creare ventagli potrebbe mettere in difficoltà qualche formazione a vantaggio di altre, e per questo motivo non si può sottovalutare la pericolosità della tappa odierna. In giornate come oggi il Tour non si vince ma si può perdere.

FAVORITI – Se tutto dovesse andare come da copione i velocisti avranno un tracciato perfetto per esprimere le loro potenzialità. Il corridore da battere è Mark Cavendish, che vuole riscattare la disastrosa campagna del Tour dell’anno scorso dimostrando di essere ancora il numero uno degli sprinter. Cercheranno di complicare i suoi piani i tedeschi Andrè Greipel e John Degenkolb, sebbene il primo non abbia entusiasmato al Giro e il secondo preferisca percorsi con qualche difficoltà in più. Protagonisti annunciati anche il norvegese Kristoff e lo slovacco Sagan, che tuttavia saranno limitati dal fatto di avere squadre più attrezzate per gli arrivi in salita che non per le volate. I francesi sperano nel colpaccio di Demare, mentre Bouhanni è arrivato al Tour con molti interrogativi sulla sua condizione dopo la caduta ai campionati nazionali e potrebbe non essere al top della condizione.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *