Davide Terraneo
No Comments

Dennis sfreccia ad Utrecht, Nibali spaventa gli altri big

L'australiano beffa Martin e Cancellara nel cronoprologo e indossa la maglia gialla. Lo Squalo guadagna su tutti i suoi principali rivali

Dennis sfreccia ad Utrecht, Nibali spaventa gli altri big
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Primo colpo di scena in un Tour de France che si preannuncia a dir poco emozionante: l’australiano Rohan Dennis si è imposto nel cronoprologo di Utrecht, conquistando la prima maglia gialla dell’edizione 2015 della Grand Boucle.

SORPRESA – Il 25enne della BMC ha battuto di 5 secondi il grande favorito di giornata, il tedesco Tony Martin, e di 6 l’altro campione delle corse contro il tempo, lo svizzero Fabian Cancellara. Fuori dal podio di giornata il neerlandese Tom Dumoulin, che non è riuscito a confermare l’ottima prestazione del Giro di Svizzera accontentandosi della quarta piazza a 8 secondi dal vincitore, 7 in meno del connazionale Jos Van Emden, giunto quinto.

LO SQUALO VA – Giornata positiva anche per Vincenzo Nibali, che chiudendo a 43 secondi da Dennis ha guadagnato su tutti i suoi principali rivali per la vittoria finale. Il siciliano ha fatto 7 secondi meglio di un deludente Chris Froome, sulla carta tra i migliori nelle corse contro il tempo, 15 meglio di Contador e 18 di Nairo Quintana. Lo spagnolo è apparso sereno e motivato dopo la vittoria al Giro che gli permette di tentare una doppietta storica, mentre il colombiano è riuscito a limitare i danni nel terreno meno congeniale alle sue caratteristiche da scalatore puro. Sorprese di giornata il giovane francese Pinot, che ha pagato 41 secondi a Dennis, il colombiano Uran (a 40″ dal vincitore) e il neerlandese Gesink (a 33″).

BARDET IN DIFFICOLTA’ – Chi esce da questa prima tappa con pessime notizie è il francese Romain Bardet, giunto a 1’34” da Dennis e in palese difficoltà. Stessa sorte è toccata al connazionale Rolland (a 1’46”) e soprattutto allo spagnolo Joaquim Rodriguez, che ha pagato 1’21” al ciclista australiano e dovrà recuperare molto terreno agli uomini di classifica in salita. Migliore la situazione di Valverde (+56″) e Peraud (+59″), altri possibili outsiders di una corsa ricca di protagonisti. L’appuntamento con la storia è a Parigi tra tre settimane.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *