Connect with us

Prima Pagina

Fiorentina: Firenze chiede chiarezza, il futuro non è mai stato così torbido

Pubblicato

|

Andea Della Valle

Via anche Salah. Cause legali, dichiarazioni random dell’avvocato e nessuno che in società spieghi chiaramente come stanno le cose. Comunicati vaghi, l’ennesimo gioiello che se ne va da Firenze, in modo assolutamente indecoroso e irrispettoso, ma sta di fatto che se ne va. E adesso?

La situazione – Parto subito col dire al buon Salah che cinque mila persone alla stazione dopo un 3-0 a Roma che non voleva assolutamente dire coppa o scudetto non li ritroverà da nessuna parte in Italia, e non solo. Chiusa parentesi. Adesso sarebbe il caso che qualcuno ci mettesse la faccia e parlasse chiaramente di ciò che si vuol fare di questa squadra. Cosa vuole essere la Fiorentina? Dove vuole arrivare la Fiorentina? Con quali giocatori lo vuole fare? A quanto ammonta il tesoretto e dove verrà investito? E Gomez? Rossi invece? Come sta? Infinite sono le domande e nessuno che sappia dare una risposta chiara. A partire soprattutto dalla prima, che mi sembra anche la più importante: cosa vogliamo essere? La Fiorentina seriamente dove vuole andare a parare? Ci vorrebbe un amico, era il ritornello di un famoso emergere della musica italiana, ci vorrebbe Andrea. Già, Andrea, ma dove sta Andrea? Da qualche tempo rimbalza qui e la la voce che il grande capo non sia in grado neanche di presenziare qualche giorno al ritiro su a Moena, ma queste son voci, facciamo finta di non aver sentito altrimenti scappa da ridere. Che faccia la sorpresona domani alla presentazione delle maglie? Boh. E allora continuiamo a viaggiare senza condottiero, con una miriade di dubbi senza risposta. L’Inter si sta rafforzando, il Milan pure, la Lazio ha liquidità e idee ed il Napoli si sta ringiovanendo.

Il futuro – Attualmente, con questa rosa, e poche idee di mercato, questa Fiorentina rischia di rimanere fuori dalla corsa europea. Anche le cosiddette medio-grandi come Samp, o Palermo si stanno rafforzando. Domani ci sarà come detto la presentazione delle maglie in Piazza Santo Spirito, e non è escluso che una buona frangia di tifosi parta a contestare pubblicamente l’operato della società. Il caso Salah ha scosso pesantemente la piazza. Gli abbonamenti procedono praticamente a passo d’uomo e manca entusiasmo tra la gente. Il fondo è vicino, c’è bisogno di una scossa e di qualcuno che pubblicamente faccia chiarezza su molti punti. Ma di questo paladino della giustizia, per ora, non se ne vede neanche l’ombra.

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending