Giulia Cassini
No Comments

Castèstyle, l’evento dove nasci due volte

Arte e design mai così uniti

Castèstyle, l’evento dove nasci due volte
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
installazioni d'arte castèstyle esposti nei carrugi

installazioni d’arte castèstyle esposti nei carugi

Castè, con l’aria dolce del ponentino che arriva dal mare o il sole che è un caldo abbraccio, è un minuscolo paesino medievale dell’immediato entroterra ligure, ai confini del Parco delle Cinque Terre.

CASTE’ E CASTE’STYLE- Il piccolo borgo Castè, dove il benessere e la serenità sono a portata di tutti, risale al 1400 ed è a poca distanza dal mare. Un villaggio vivo soprattutto in estate, tanto che il laboratorio d’arte “Castéstyle”, ivi formatosi nel 2010, è in pieno fermento recuperando attrezzature come macchine da cucire del Novecento, vecchi mobili in legno, poltrone, bauli per reinterpretarli versione “reloaded”grazie alla geniale creatività dei grandi nomi dell’arte Mauro Manco e Simone Lucchesi. Oggetti che con Castèstyle nascono due volte tra conservazione e modernità, per diventare “nuovi”, in un vero e proprio esperanto creativo senza melò. Castèstyle è il design dalla forte personalità con colori vitaminici, palette inedite e grafiche sontuose per un’allure sofisticata senza ostentazioni.Come spiega la pr Serenella Messina”il recupero è punto di partenza per affermare lo stile di Castè, che è rispetto per la natura, riappropriazione di spazi, di emozioni e sentimenti , la ferma volontà di vivere immersi nella bellezza, nell’arte e nella natura.” In particolare Lucchesi ha partecipato a giugno alla collettiva “Arte, Sogno, Fiaba e Territori Invisibili” della GabArt di Sarzana dove ha presentato  lavori inediti  finalizzati in digitale e stampati su vari supporti come  vetri o stoffe artistiche che decorano le installazioni di Castèstyle. In più Castèstyle ha partecipato con successo nei giorni scorsi sia alla mostra del Tigullio a Chiavari che alla” Casa in Piazza” a Sarzana.

LA MOSTRA- Tira aria d’arte contaminata di design, come testimonia anche la mostra organizzata da Castèstyle a Castè il prossimo 30 luglio (vernice con musica dal vivo e apericena ingresso libero) per due settimane con una decina di quadri di Lucchesi alla Locanda e poi le installazioni di mobili d’arte negli angoli più belli del borgo fino alla Corte Paganini. Come chiosa Lucchesi “usare la carta o il pennello è oggi superato, io lavoro da anni col digitale e ho necessità di usare altri supporti, la carta ha per così dire stufato. Ora sto mettendo immagini su texture diverse come i murales. Non ho l’ambizione di chiamarle opere d’arte ma l’umiltà di definirne la contaminazione visiva arte e design”. Anche Manco di Castèstyle si definisce “un giocatore dell’arte”,  con l’umiltà che è solo dei grandi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *