Antonio Foccillo
No Comments

Juventus, cinque motivi per cui Isco è meglio di Oscar

Più rapido, più duttile, abituato ad avere a che fare con grandi campioni. Isco è sicuramente più indicato di Oscar per lo scacchiere di Allegri.

Juventus, cinque motivi per cui Isco è meglio di Oscar
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Oscar, sogno proibito di Allegri; ma Isco è meglio di lui

Oscar, sogno proibito di Allegri; ma Isco è meglio di lui

La Juventus è sempre attivissima sul mercato. Dopo gli arrivi di Dybala, Khedira e Mandzukic, Massimiliano Allegri chiede un ulteriore sforzo alla dirigenza bianconera per regalargli un trequartista. I due sogni rispondono ai nomi di Oscar del Chelsea e Isco del Real Madrid. Nonostante il brasiliano sia il sogno del tecnico livornese, lo spagnolo è probabilmente un gradino più su e decisamente un acquisto migliore per la Vecchia Signora.

VELOCITA’, DRIBBLING NELLO STRETTO, DUTTILITA’: ISCO  E’ SUPERIORE – L’ex fenomeno del Malaga per caratteristiche è un trequartista puro, in grado però di giostrare anche sull’esterno e all’occorrenza da mezz’ala se accostato ad altri due centrocampisti di contenimento. Rispetto al brasiliano è molto più veloce, non solo in allungo ma anche e soprattutto sullo scatto da fermo. Questo fa sì che Isco risulti molto più efficace in fase di ripartenza e rappresenti il giocatore sempre mancato alla Juventus negli ultimi anni, cioè quello in grado di cambiare passo e prendere in controtempo le squadre avversarie. Entrambi abilissimi nel servire l’ultimo passaggio, Isco ha in più una buona capacità di dribbling, resa ancora più letale dalla sua velocità. Contro le difese ermetiche della Serie A, ma anche in caso di situazioni bloccate contro le big, avere un uomo in grado di puntare e saltare l’uomo diventa fondamentale. Soprattutto in caso di tridente, dove Isco può disimpegnarsi da esterno e fornire cross interessanti alle torri Llorente e Mandzukic (che difficilmente vedremo insieme ). Questo rende il trequartista delle merengues molto più duttile di Oscar, limitato al ruolo di trequartista dietro le punte. Anche se spesso schierato da ala, il verdeoro non ha mai convinto pienamente da esterno e non risulterebbe cosi il giocatore ideale per un tridende con due ali.

ABITUATO A VINCERE E A COMPETERE CON GRANDI CAMPIONI – Isco si è subito imposto al Real Madrid, dove ha spesso insidiato la leadership dell’unidici titolare. Ancelotti è stato spesso messo in difficoltà dalle prestazioni roboanti dello spagnolo, soprattutto quando impiegato al posto di James Rodriguez in questa stagione, non sempre esaltante nelle sue performance. Il 23enne è quindi abituato alla concorrenza e a confrontarsi con campioni di altissimo livello. Ha inoltre già vinto tutto quello che poteva vincere con il Real tranne la Liga, sa quindi come affrontare al meglio la competizione a cui la Juventus aspira nei prossimi anni, la Champions League. Il prezzo del cartellino dei due giocatori è lo stesso, si parla di non meno di 40 mln di euro, ma con Florentino Perez i rapporti sono già buoni visto l’affare Morata e l’interesse sempre vivo dei Blancos per Pogba.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *