Sanda Urda
No Comments

MotoGP Assen, duello in casa Yamaha, non molla Iannone

Alla vigilia dell'ottava gara in stagione, Rossi conduce la classifica iridata di un solo punto sul team-mate Lorenzo

MotoGP Assen, duello in casa Yamaha, non molla Iannone
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
motoGP

TT Assen GP of Nederlands 24 Giugno
MotoGP 2015
NELLA FOTO: Lorenzo e Rossi (Alessandro Gilberti)

Lo scenario dell’ottavo motoGP, (Motul TT Assen), in calendario è il circuito più vecchio (fin dal 1949) e famoso del motomondiale, il Dutch TT di Assen. Unico nel suo genere anche per la programmazione con un giorno di anticipo per motivi religiosi locali, che impongono la domenica come giorno di riposo. La tradizionale conferenza stampa MotoGP che apre il weekend si è svolta il mercoledì 24 giugno.

Presenti sei dei big in classe regina con al centro Valentino Rossi, ancora in vetta nel mondiale, anche se solo per un punto su Jorge Lorenzo, compagno di box e reduce da quattro vittorie consecutive. Partecipano anche i due alfieri Repsol Honda, Marc Marquez e Dani Pedrosa. Andrea Iannone (Ducati Team) e Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) completano il sestetto.

VALENTINO ROSSI (Movistar Yamaha MotoGP)

Primo a parlare, il dottore e leader nel mondiale, ha festeggiato otto vittorie in cariera al Dutch TT. Per quanto riguarda la situazione attuale dichiara: “Assen è una pista speciale, è la più antica del calendario… E’ sempre molto veloce, ci sono tanti punti interessanti in qui si può fare la differenza. Inoltre, il meteo è una variabile che può influire e rimescolare le carte… Jorge è in un momento di forma incredibile, anche troppo: viene da quattro vittorie di fila ed è sempre stato in testa dal primo giro all’ultimo. Devo cercare di migliorare in qualifica per partire davanti. Faremo il possibile sin da domani mattina. Ogni weekend e ogni tracciato hanno una storia a sè.”

JORGE LORENZO (Movistar Yamaha MotoGP)

Sulla “cresta dell’onda” e nel miglior momento della carriera, il maiorchino vuole fare cinque in Olanda (dove ha vinto quattro volte in tutte le classi) e superare il pesarese nella classifica iridata. “Ho avuto molti momenti positivi in questi ultimi anni di carriera, ma questa moto mi permette di essere costante e di avere un ritmo altissimo; per questo abbiamo dominato fino ad ora. Mi sento più forte che mai, per la prima volta ho battuto anche il mio allenatore in mountain bike. Voglio trovare subito un buon setup. Purtroppo, qui c’è sempre possibilità di pioggia, ma tutti noi speriamo in una gara asciutta.”

ANDREA IANNONE (Ducati Team)

Terzo nel mondiale, il pilota di Vasto ha superato il compagno di squadra Andrea Dovizioso e dimostra un feeling crescente con la sua Desmosedici GP15. “Ho bei ricordi di questa pista, io sto attraversando un momento positivo e voglio continuare a lavorare sodo. Le precedenti versioni della Desmosedici erano difficili da gestire su questo tracciato, ma la GP 15 è uno step avanti, soprattutto per l’agilità che sta mostrando. Qui, sarà importante partire dalla prima o seconda fila. Lotto sempre per il podio, ma quello che voglio, è la vittoria.

MARC MARQUEZ (Repsol Honda)

Il campione in carica ha trionfato quattro volte ad Assen, di cui una nella classe regina. Chiamato in causa per raccontare i miglioramenti trovati nella giornata di test (corta, causa pioggia) a Motmelo, dopo le catastrofiche ultime due gare, chiuse a zero punti. Urge un buon risultato per Marc, se non vuole veder tramontare il sogno del titolo iridato, vista la distanza da Rossi (69 punti). “Assen è una pista che mi piace. Jorge e Vale qui sono sempre andati forte e vedremmo quest’anno cosa succederà. Peccato che il mal empo a Barcelona non ci ha permesso di provare tutto il materiale, di sicuro qui utilizzerò il telaio 2014. In Catalunya sono caduto, ma l’importante era l’avvicinarci alla Yamaha. Dani è arrivato terzo; adesso dobbiamo cercare di esser più concentrati in gara, specie nella seconda parte.”

BRADLEY SMITH (Monster Yamaha Tech3)

Convocato in qualità di miglior pilota satellite in graduatoria, l’inglese è nel suo miglior inizio di stagione, da quando corre in MotoGP (sesto nella classifica mondiale). “Grande inizio, per me e il team. E’ stato importante soprattutto mostrare quello che posso fare. Il mio obbiettivo è quello di  essere costante e di rimanere il miglior pilota satellite della griglia.”

DANI PEDROSA (Repsol Honda team)

Presente nella conferenza stampa ufficiale dopo il podio nel round precedente dando un forte segnale di ripresa dopo i problemi al braccio che hanno compromesso l’inizio della stagione. Ad Assen, desidera continuare con la sua scia positiva: “Qui ho ottenuto la mia prima vittoria… un momento davvero felice per me e la mia famiglia. Il podio nella gara di casa è stato speciale, soprattutto dopo quello che è successo. Spero di fare una partenza migliore qui, partendo da una buona qualifica, per iniziare col piede giusto

Il prossimo appuntamento con la motoGP con il #DutchGP inizierà domani mattina, alle 08:55 con le prime sessioni di prove libere. In classe regina, Yamaha farà un paragone tra il nuovo telaio (testato ad Aragon con esiti positivi a detta di Rossi) e quello vecchio, ma l’obiettivo è setup adatto alle condizioni olandesi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *