Roberto Cusimano
No Comments

I 5 motivi per cui Higuain potrebbe trasferirsi al Milan

L'argentino è il nome nuovo per l'attacco rossonero. Obiettivo difficile da raggiungere ma mai dire mai, vi spieghiamo i motivi

I 5 motivi per cui Higuain potrebbe trasferirsi al Milan
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’indiscrezione è di quelle forti, di quelle che lasciano i tifosi a bocca aperta iniziando a farli fantasticare sull’esito della trattativa e la possibilità di vedere quel top player indossare la maglia della propria squadra. Dopo essersi fatto sfuggire sia il francese Kondogbia che il colombiano Jackson Martinez, Adriano Galliani si è rimesso a lavoro (stavolta in “silenzio”) per portare alla corte di Mihajlovic il primo acquisto della sessione estiva. Rumors di mercato hanno evidenziato come possa essere Gonzalo Higuain il prescelto per ricoprire il ruolo di bomber che sarebbe toccato all’ex Porto se non avesse poi scelto l’Atletico Madrid. Ipotesi davvero suggestiva quella di vedere il numero 9 argentino in maglia rossonera, operazione di certo complicata ma non impossibile. Scopriamo i cinque motivi per cui questo trasferimento potrebbe compiersi.

Atalanta-Napoli: Higuain segna il gol del pareggio ma poi sbaglia il rigore decisivo

Gonzalo Higuain, pezzo grosso del mercato in uscita del Napoli

NAPOLI, AVVENTURA AL CAPOLINEA? – La stagione passata non si è conclusa nel migliore dei modi per il “Pipita”, se i partenopei non hanno centrato i preliminari di Champions è anche un po’ colpa sua e del rigore calciato sopra la traversa nel match decisivo contro la Lazio. E’ stata una stagione altalenante quella del Napoli, più che soddisfacente invece a livello personale l’annata dell’ex Real Madrid, autore di 29 reti in 58 presenze (tra cui la bella doppietta in Supercoppa contro la Juventus che poi ha portato alla vittoria dei suoi ai rigori). Insomma non aver ottenuto i risultati sperati, la partenza di Benitez e quella possibile del compagno Callejon potrebbero spingere Higuain a lasciare Napoli dopo due stagioni positive ma in cui sperava di togliersi maggiori soddisfazioni.

MILAN, DESTINAZIONE GRADITA – Higuain non ha mai nascosto in ogni caso di gradire la città di Milano e, chissà, un giorno vestire la maglia rossonera. Ci sono tanti fattori che rendono difficile la trattativa (per esempio il Milan non farà le coppe) però la sua volontà di lasciare il capoluogo campano potrebbe risultare determinante.

PROGETTO MILAN PIU’ CONVINCENTE – I rossoneri quest’anno hanno avviato una sorta di rivoluzione con l’obiettivo di mettersi alle spalle le ultime deludenti stagioni. L’arrivo in panchina di Sinisa Mihajlovic è stato il primo segno di cambiamento, ci sono stati i rinnovi di Abate e Mexes, alcune cessioni, come per esempio quelle di Pazzini e Robinho in attacco, e ovviamente dovranno arrivare acquisti di spicco. Da non dimenticare il progetto di costruzione del nuovo stadio che va avanti, altro motivo di interesse per coinvolgere i giocatori a sposare la causa Milan. Anche il Napoli ha effettuato un cambio in panchina scegliendo Sarri al posto di Benitez, il tecnico ex Empoli ha voluto con sé Valdifiori reduce da una bella stagione in Toscana. Il club rossonero ha le potenzialità in termine di denaro e appeal per costruire una squadra più competitiva di quella partenopea con lo scopo di tornare ai fasti di un tempo, motivo per cui Higuain potrebbe preferirlo.

COSTO ELEVATO? NO PROBLEM – Di sicuro l’attaccante argentino ha una valutazione molto alta, si parla infatti di 50/60 milioni ma Galliani non si fa di certo intimorire da queste cifre, seppur alte, poiché come ben sappiamo il tesoretto messo a disposizione da Mr. Bee rimane lì a disposizione, ancora intatto e pronto all’uso. I buoni rapporti con DeLa inoltre potrebbero favorire uno sconticino, rimane da constatare la volontà del presidente del Napoli di privarsi del suo pupillo, uno come il Pipita non è facile da sostituire. Attendiamo nei prossimi giorni qualche altra cenetta dell’ad del Milan insieme al patron del Napoli o con il fratello procuratore del calciatore sperando che anche stavolta il cibo non gli vada di traverso.

CI PENSA SILVIO! – Berlusconi, da buon intenditore di calcio, quando si tratta di grandissimi attaccanti non si lascia di certo intimorire ed è pronto a metterci la faccia. Così come per Ibrahimovic anche in questo caso sarebbe disposto a intervenire direttamente nella trattativa cercando di convincere l’attaccante classe ’87 a trasferirsi al Milan pagando la cifra richiesta da De Laurentiis, insomma abbiamo avuto modo di capire che Silvio Berlusconi ama i bomber da venti e più reti a stagione, e come dargli torto!

Roberto Cusimano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *