Connect with us

Inter

Inter, la rivoluzione parte dalla difesa: preso Miranda, con chi farà coppia?

Pubblicato

|

Miranda, nuovo leader della difesa dell'Inter

“Dobbiamo lavorare sulla testa e sulla difesa, facciamo errori pazzeschi. Ranocchia deve migliorare per forza” . Queste erano le parole di un Mancini a metà tra lo sconvolto e l’avvilito nel post partita di Genoa-Inter, partita vinta 3-2  dai rossoblu grazie anche ad una clamorosa papera di capitan Ranocchia. La fotografia dell’Inter targata Mancio raffigura una squadra a tratti devastante dal centrocampo in su ma troppo brutta per essere vera nel reparto arretrato: ecco quindi che Ausilio è stato chiamato a rinforzare la difesa in questo mercato estivo, in modo da poter far tornare i nerazzurri a competere per le prime posizioni in campionato.

Murillo, primo acquisto dell'Inter 2015/2016

Murillo, primo rinforzo per la difesa dell’Inter 2015/2016

MURILLO IL PRIMO COLPO – il centrale colombiano è stato il primo acquisto in vista della stagione 2015/2016. In forza al Granada (squadra di proprietà dei Pozzo, quindi garanzia di talento), il difensore è un classe 92′: giovane, ma nel suo curriculum può già affermare di aver affrontato i più grandi attaccanti del mondo; chiedere a Messi, annullato da Murillo in un Granada-Barcellona, per avere la conferma. Murillo è stato più volta accostato a Thiago Silva: il ragazzo ha in comune con il campionissimo del PSG la velocità e la capacità negli anticipi, fondamentali per mantenere la difesa alta, vero e proprio diktat di Mancini. Jeison Murillo è già titolare inamovibile della difesa della Colombia e, appena terminata la Copa America, raggiungerà i compagni nel ritiro di Brunico per mettersi a disposizione del mister.

MIRANDA, IL TOP PLAYER CHE SERVIVA – Notizia di questi ultimi giorni: l’Inter è ad un passo dal centrale dell’Atletico Madrid Joao Miranda. Il brasiliano, 30 anni compiuti, sarà il vero perno della nuova difesa. Esperienza internazionale, carisma e talento: Miranda è ottimo in marcatura e nel gioco aereo e con Murillo formerebbe una coppia complementare e potenzialmente insuperabile. Costo dell’operazione intorno ai 13 milioni: non male per uno dei difensori centrali più affidabili del panorama europeo.

E GLI ALTRI? – Chiaramente Mancini non è soddisfatto del rendimento degli altri centrali: Vidic è quello che ha ottenuto maggiori consensi, quando non è stato infortunato; Ranocchia come si è già detto è stato il più criticato e spronato a fare di più; Juan Jesus è stato invece ritenuto troppo acerbo e distratto e quindi è stato dirottato sulla fascia sinistra, dove peraltro si è disimpegnato bene. Uno di questi tre giocatori è destinato a lasciare Appiano Gentile: in questo momento il primo cedibile è proprio l’attuale capitano dell’Inter, che era già stato inserito nella trattativa che doveva portare Perisic a Milano, salvo ricevere un secco no dal Wolfsburg. Sugli esterni dovrebbe essere confermata la coppia tutta italiana formata da Danilo D’Ambrosio e Davide Santon: il primo è stato il terzino più utilizzato e più costante dell’intera stagione, mentre il secondo è partito a mille, salvo poi accusare alcuni problemi fisici ed essere costretto in panchina in favore di Juan Jesus.

La coppia di centrali del prossimo anno potrebbe quindi essere completamente nuova: Mirando-Murillo scalpitano. Starà ai “vecchi” riconquistarsi il posto e dimostrare di valere di più di quanto fatto finora…

@jacopogino

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending