Manlio Mattaccini
No Comments

Scherma, Europei a Montreux: ben sette medaglie nelle gare individuali

Di Francisca sempre numero uno, "triplete" nel fioretto maschile; Fiamingo d'argento, nella sciabola bronzo per la Gregorio. Ora le gare a squadre

Scherma, Europei a Montreux: ben sette medaglie nelle gare individuali
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella suggestiva Montreux, cittadina svizzera resa celebre dall’assolo di chitarra in “Smoke on the water” dei Deep Purple, il palcoscenico stavolta è tutto per la scherma. E gli artisti azzurri, con un’arma in mano, come sempre sono stati i protagonisti in questa prima parte di Campionato Europeo, il primo grande appuntamento di una stagione delicata come quella che avvicina all’Olimpiade. I nostri schermidori con ben sette medaglie sono momentaneamente al comando del medagliere: ottime notizie dal fioretto, mentre qualche passaggio a vuoto l’hanno fatto registrare gli uomini di spada e sciabola.

L’ALTRO TRIPLETE – Di Triplete negli ultimi giorni se n’è parlato fin troppo: nella pattuglia del fioretto maschile questa parola però deve avere suscitato un fascino particolare. Cassarà, Garozzo e Luperi non hanno perso tempo in chiacchiere e in pedana hanno messo da subito le cose in chiaro, lasciando una manciata di stoccate agli avversari per tutta la gara. Giunti ad una finale tutta azzurra a trionfare è stato l’esperto bresciano Cassarà, al suo terzo titolo continentale, superando il giovane Daniele Garozzo (fratello di Enrico) alla sua prima medaglia nella rassegna. A completare il podio il livornese Luperi, classe ’93, vincitore già del titolo italiano a soli 18 anni.
Tra le donne la Di Francisca si lascia andare nel suo terzo “assolo” consecutivo: nell’atto conclusivo sconfigge la russa Korobeynikova, ma nel turno precedente aveva fatto fuori la sua amica-rivale Arianna Errigo, in un primo round che sicuramente si spera avrà seguito pure nel Mondiale di Mosca. Fa notizia l’assenza dal podio della veterana Vezzali: la 41enne pluricampionessa jesina ha dovuto alzare bandiera bianca contro l’esperta ungherese Varga.

Rossella Fiamingo

Rossella Fiamingo, argento europeo a Montreux

LE DUE ROSSELLA: BENE FIAMINGO, CONFERMA GREGORIO –  Rossella Fiamingo tra qualche settimana andrà in quel di Mosca per difendere il suo titolo iridato. Il modo migliore per avvicinarvisi è stato conquistare il suo primo podio individuale all’Europeo: la sua spada si è dovuta arrendere soltanto a quella della forte russa Kolobova. La sciabola del gentil sesso sembra invece aver trovato il suo fulcro, per il presente e per il futuro: Rossella Gregorio replica il bronzo della passata edizione al termine di una gara dove si è trovata ad una sola stoccata dal centrare la finalissima per l’oro.

UOMINI IN CERCA DI RISCATTO – Nessun podio invece nella sciabola e nella spada maschile: specialità nelle quali, visto il potenziale in dote alla Nazionale, era lecito aspettarsi qualcosa di più. Aldo Montano, non più giovanissimo ma sempre punto di forza del movimento italiano, è il migliore della spedizione azzurra ma non si è spinto oltre i quarti di finale. Non è andata certo meglio al trio catanese di spadisti Garozzo – Fichera – Pizzo, con quest’ultimo medaglia d’argento in carica ma andato fuori, come i suoi compagni, negli ottavi di finale. Fichera, nel dopo gara, ha prontamente spronato i compagni sulla sua pagina Facebook a rialzare la testa: da oggi è il momento delle prove a squadre.

(foto a cura di Augusto Bizzi)

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *