Modestino Picariello
No Comments

La sottile linea bianconera

una linea non è nient'altro che una linea, ma renderla punto di partenza o punto di arrivo, in questo caso, fa tutta la differenza del mondo

La sottile linea bianconera
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Prima ancora della finale di Champions, la Juve aveva tracciato un solco tra sé e tutto quanto c’era dietro: tutta la sua storia recente, Calciopoli, la Serie A e soprattutto i gufi. Un solco netto, evidentissimo già nei commenti stizziti, nella paura degli interisti che si raddoppiasse il triplete ma che non fosse il loro, in quella mezza Italia che fregandosene del buonismo nazionalista in Coppa palesemente gli tifava contro. Il rumore dei nemici, lo avrebbe definito qualcuno, anche se sono nemici interni. Ebbene il solco è lì, con la data ben visibile a etichettarlo, e spetta alla Juve dargli un senso: perchè una linea non è nient’altro che una linea, ma renderla punto di partenza o punto di arrivo, in questo caso, fa tutta la differenza del mondo”

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *