Edoardo Baracco
No Comments

Playoff Nba: a Cleveland c’è un uomo solo al comando, James domina ed è 1-1

Dominio James all'Oracle Arena, gara in parità. La serie dei sogni continua, adesso ci si sposta a Cleveland

Playoff Nba: a Cleveland c’è un uomo solo al comando, James domina ed è 1-1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Miracolo Cavs all’Oracle Arena, LeBron non ci sta e ne segna 39 portando la serie sull’1-1. Se James vuole vincere James vince, chiaramente lui è un giocatore che da solo, a seconda di come si sveglia la mattina, può cambiare le sorti non solo di una sola partita, ma di un intera serie Playoff. Adesso si va a Cleveland con il risultato in parità ed un finale ancora tutto da scrivere.

La gara – “Un uomo solo al comando” è un espressione che venne usata per la prima volta nel ciclismo dal giornalista Mario Ferretti durante la radiocronaca di una tappa del Giro d’Italia per descrivere le gesta sportive di

Klay Thompson, tassello chiave dei Golden State Warriors.

Klay Thompson, tassello chiave dei Golden State Warriors.

Fausto Coppi. Bene, quest’oggi riutilizzo quelle parole per descrivere le gesta sportive di un altro mito dello sport mondiale: LeBron James. Ciò che ha fatto quest’uomo in queste prime due gare di Finals è semplicemente sublime. Si sta letteralmente caricando sulle spalle il peso dell’intera squadra orfana di Irving, Love e Varejao: 44 punti in gara 1 e 39 in gara 2 sono numeri impressionanti. Se LeBron vuole vincere vince e basta, non c’è avversario che tenga, in gara 1 Golden State ha cavalcato l’onda del tanto entusiasmo del pubblico di casa, ma non è riuscita questa notte a ripetere quanto visto tre giorni fa. In generale è stata una partita giocata più in difesa che in attacco per entrambe le squadre, Golden State ha coperto bene sotto canestro concedendo molto poco ai Cavs che si sono affidati ai recuperi di Mozgov e agli isolamenti di James per allungare un po il passo. In generale entrambe le squadre hanno tirato malino con il 32 e 39% dal campo. Nel quarto quarto poi c’è stato il calo di Cleveland con il recupero di Curry e compagni che hanno portato la partita all’over time. Ci ha provato Thompson a tenere testa a James con 34 punti, ma oggi davanti aveva uno più forte di lui. Il risultato finale, meritato, è di 95-93 con gara 3 che potrebbe risultare fondamentale.

Il futuro – Scenari che cambiano adesso, si va alla Quick & Loans Arena di Cleveland con la serie in perfetta parità. Un 2-0 sarebbe stato pesante da recuperare anche per il miglior LeBron, il pareggio invece da morale ad una squadra che visti gli infortuni ne ha bisogno eccome. Cleveland adesso deve trovare più continuità sotto canestro, stanotte si è visto che levato qualche lampo di genio l’unico che manda avanti la baracca, oltre a James, è Mozgov che sotto canestro domina incontrastato. Gli Warriors venderanno cara la pelle, potranno anche aver sbagliato una partita ma difficilmente ripetono gli stessi errori più di una volta. La cosa che può fregare Cleveland è la rotazione corta, coach Blatt dovrà essere bravo a dosare bene le energie se vorrà poi giocarsi tutto nel finale di serie. Gara 3 potrà già dire molto sul proseguo di questa serie, LeBron c’è, Thompson pure, e Curry si sveglierà? O continuerà a giocare bene, ma non benissimo? Non ci resta che attendere, la finale dei sogni continua.

Tabellino

Cleveland: James 39, Mozgov 17, Smith 13. Assist: James 11. Rimbalzi: James 16, Thompson 14.

Golden State: Thompson 34, Curry 19, Barnes 11. Assist: Curry 5. Rimbalzi: Bogut e Green 10

Pagelle

Il sontuoso e dominante James si merita un 9 a mano bassa visto il dominio assoluto. Benissimo anche il gregario Mozgov (voto 8) autore di una gran gara sotto canestro. Bene anche Smith (7). Per quanto riguarda Golden State invece il migliore è Thompson autore di 34 punti che però non bastano per battere LeBron (voto 8), bene anche Curry ma non benissimo (voto 7), da lui ci si aspetta ancora qualcosa in più. Gran partita anche di Barnes con 11 punti importanti (voto 7).

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *