Gianpiero Farina
No Comments

Van Persie, 5 motivi per cui potrebbe accettare la Lazio

Ecco perché l'attaccante olandese dire sì al trasferimento nella Capitale

Van Persie, 5 motivi per cui potrebbe accettare la Lazio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Lazio è sempre alla ricerca di una punta. Ed ecco che spunta il nome di Robin Van Persie. Certo c’è il problema dell’ingaggio elevato, ma il matrimonio tra il giocatore del Manchester United e i biancocelesti, seppur difficile, non è impossibile. Sognando un po’, ecco cinque motivi per cui l’olandese potrebbe dire sì all’avventura nella Capitale.

NUOVA SFIDA – Ho l’ambizione di giocare ogni settimana, mi sento in forma e credo di avere ancora molti anni davanti a me”: queste sono state le parole di Van Persie ai media olandesi due giorni fa. L’attaccante trentunenne vuole giocare, ha ancora fame. Insomma ha bisogno e vuole una nuova sfida. Proprio ciò che rappresenterebbe accettare la Lazio.

LEADER – Con tutto il rispetto per il valore della rosa a disposizione di Stefano Pioli, dimostrato anche dal grande campionato, Robin Van Persie ne diventerebbe il punto di riferimento e il leader indiscusso. Cosa che non è al Manchester United vista la presenza dei vari Mata, Di Maria, Falcao e Rooney.

COLONIA OLANDESE – De Vrij, Braafheid e il neoacquisto Hoedt: il capitano della Nazionale olandese troverebbe molti suoi connazionali ad attenderlo e quindi, sulla carta, non dovrebbe avere alcun problema ad ambientarsi. E la Lazio avrebbe la sua piccola colonia orange.

ROMA –Deciderò con la mia famiglia. E’ molto importante vedere mia moglie e i miei figli felici. Faremo insieme le nostre considerazioni”: sempre dichiarazioni di Van Persie. E, tenendo conto di queste parole, non si può non pensare al fascino che una città come Roma può esercitare. Che siano le bellezze della Città Eterna a far scattare la molla decisiva?

KLOSE – Si dice che, con l’eventuale arrivo dell’attaccante dei Red Devils, l’avventura italiana di Klose giungerà al termine. E se non fosse così? Klose e Van Persie, due bomber di livello internazionale, nella stessa squadra. Uno stimolo per entrambi, una sana competizione interna che potrebbe portare entrambi a rendere al meglio. Per ora è un solo sogno. Ma a volte, si sa, questi diventano realtà.

Gianpiero Farina

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *