Enrico Cunego
No Comments

Finals Nba, gara 1: Golden State 1-0 ai supplementari, paura per Irving

I californiani conquistano gara -1 grazie ad un ottimo supplementare al termine di una gara equilibrata ed avvincente. 44 punit per James, ma ora i Cavs tremano per l'ennesimo infortunio di Irving

Finals Nba, gara 1: Golden State 1-0 ai supplementari, paura per Irving
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Finisce 108-100 in favore di Golden State il primo atto di queste Finals 2015, sfida che si è estesa fino al supplementare, in cui Curry e compagni hanno sferrato la stoccata finale contro dei Cavs stanchi e senza energie. In precedenza tempi regolamentari chiusi sul 98 pari, con un LeBron scatenato da 44 punti ed una panchina di Golden State che ha regalato punti preziosissimi al duo Curry-Thompson (Iguodala 15 punti e 6/8 al tiro). Nel supplementare oltre alla sconfitta per i Cavs arriva un’altra orribile notizia: ennesimo infortunio per Kyrie Irving alla caviglia sinistra e conseguente uscita dal palazzetto tramite l’ausilio delle stampelle, un immagine che non fa sperare nulla di buono per il proseguimento della serie.

44 punti per l'autentico leader dei Cavs, ma alla fine la spuntano i Warriors

44 punti per l’autentico leader dei Cavs, ma alla fine la spuntano i Warriors

I CAVS PROVANO A SCAPPARE – Cavs che partono subito con l’acceleratore premuto, mentre i Warriors  faticano a contenere la coppia LeBron-Irving, dimostrandosi inoltre in seria difficoltà in attacco, con gli “Splash Brothers” Curry e Thompson autori di un misero 2/10 complessivo al tiro. Così i Cavs approfittano del black-out californiano per portarsi a sul 29-19 a fine prima frazione. Nel secondo quarto si sveglia finalmente Steph Curry, il quale sigla 8 punti consecutivi nel finale che permettono ai padroni di casa di raggiungere il 48-51 all’intervallo lungo.

PUNTO A PUNTO – Cavs che vanno sul +7 ad inizio terzo quarto grazie a Mozgov (16 punti e 7 rimbalzi) e a James, ma Golden State si riprende subito con  Thompson (segnerà 16 punti nel secondo tempo dopo i soli 5 dei primi due quarti) ed al solido contributo di Iguodala, che gioca 31′ partendo dalla panchina contenendo LeBron e segnando 15 punti, tra cui la schiacciata che allo scadere del terzo periodo permette ai suoi di raggiungere la parità a 73. L’ultimo quarto è una girandola di emozioni con sua “maestà” LeBron che trascina letteralmente gli ospiti a suon di canestri (saranno 44 punti alla fine), mentre dall’altra parte si evidenzia anche la prova di Marrese Speights, che in soli 8′ giocati sigla 8 punti fondamentali per far rimanere in gara i Warriors. A 3’36” Steph Curry sigla il 94-93 che vale la prima leadership per GS nell’ultimo periodo e poco dopo aggiunge 2 punti dalla lunetta- LeBron risponde con la tripla del 96 pari a cui il numero 30 ribatte con 2 punti a 40″ dalla fine. Sul ribaltamento di fronte Timofej Mozgov trova il fallo e la lunetta per il 98-98 con cui si concluderà la gara. Nonostante manchino ancora 31″ da giocare nè Curry (fermato alla grande da Irving) e nè Shumpert (tripla sulla sirena che sbatte sul primo ferro) riescono a trovare il canestro decisivo per la vittoria. Over-time quindi inevitabile.

CURRY SENTENZIA – Si pensa quindi ad un supplementare giocato sul filo dell’equilibrio ed invece i Cavs escono da una scena dominata letteralmente dall’MVP stagionale. Il numero 30 si procura due falli e dalla lunetta registra un 4/4 che fa volare i leader della Western Conference sul 98-102. Piove sul bagnato per Cleveland poco dopo, quando Kyrie Irving, nel tentativo di superare Klay Thompson, scivola malamente appoggiando malissimo la caviglia sinistra al suolo. A 2’30” dalla fine David Green piazza la tripla del 98-105 che chiude gara -1, ora Cleveland cercherà la rivincita lunedì prossimo alle 02:00 italiane, ma l’assenza di Irving pare quasi certa

Warriors: Curry 26 punti, Thompson 21, Iguodala 15 Assist: Curry 8 Rimbalzi: Bogut 7

Cavaliers: James 44 punti, Irving 23, Mozgov 16 Assist: James ed Irving 6 Rimbalzi: Thompson 15

PAGELLE

James 8,5 – ordinaria amministrazione: leader assoluto come da pronostico. 44 punti su 98 totali della squadra , 38 tiri presi su un totale collettivo di 94. I tentativi al tiro parlano di un 18/38 totale, ma “sua maestà” non si può assolutamente biasimare per ciò, dato che trascina letteralmente i suoi per tutta la gara. E a parte Irving e Mozgov non trova grande collaborazione da parte dei compagni

Irving 7,5 – 23 punti e grande gara difensiva, dove si distingue grazie ad un bellissimo intervento su un Curry proiettato verso il canestro. Purtroppo per lui e per tutti noi esce nel supplementare, e a causa di un maledetto infortunio rischia di rimanere fuori dalle restanti partite. Speriamo in una pronta e sorprendente ripresa

Smith 5 – In questi play-off l’ex Knicks era stato spesso estremamente decisivo partendo dalla panchina, conto i Warriors invece il numero 5 sigla solo 9 punti con un 3/13 totale al tiro, non entrando mai veramente in partita e non dando un contributo sufficiente alla causa Cavs. Deve assolutamente riprendersi per gara 2

Curry 8 – Dopo un primo tempo non esaltante il numero 30 si rianima nella ripresa, quando guida ai suoi nel testa a testa contro gli avversari finendo per portare addirittura avanti GS, in rincorsa per tutta la gara. Si vede negare da Irving il canestro della vittoria. Ma nel supplementare è protagonista assoluto guadagnandosi 2 falli ed un 4/4 dalla lunetta che chiude la gara. Sempre e comunque D-E-C-I-S-I-V-O

Thompson 6 –5 miseri punti nel priom tempo, 16 nel secondo. Il partner di Curry si riscatta parzialmente nella ripresa ma la sua prestazione non è sufficientemente cattiva ed esplosiva rispetto a quelle a cui ci ha abituato. Può e deve assolutamente crescere nel proseguimento della serie

Iguodala 7,5 – Merita assolutamente un menzione speciale l’ex 76ers, partito dalla panchina ed autore di 15 punti con un 6/8 al tiro. Ma la sua gara non è positiva solo in attacco perchè anche in difesa è preziosissimo nel limitare la pericolosità di un James indemoniato. Ed alla fine anche questo aspetto ha permesso ai Warriors di aggiudicarsi gara -1

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *