Raul Parrella
No Comments

Benitez-Real Madrid: i 5 motivi per cui lo spagnolo sarà un flop

Proviamo a riassumere in cinque brevi motivi, il perchè l'avventura dello spagnolo sulla panchina del Real Madrid rischia di essere un fallimento

Benitez-Real Madrid: i 5 motivi per cui lo spagnolo sarà un flop
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ormai è ufficiale, Benitez è il nuovo allenatore del Real Madrid ed ha firmato un contratto che lo lega ai galacticos per 3 anni. In molti sono a favore di questo nuovo “matrimonio calcistico”, soprattutto perché lo spagnolo è un grande tifoso di Madrid ed è nato proprio in quelle strade che trasudano un tifo sfegatato per la maglia blanca. Ma per quante persone sono a favore, ce ne sono altre completamente a sfavore che rimpiangono ancora Ancelotti. In particolare una gran parte dei tifosi, giorni prima dell’annuncio ufficiale, sperava in qualche altro allenatore come Klopp. Ma Perez ha voluto donare la panchina più prestigiosa al mondo ad un allenatore che forse, viste le recenti prestazioni, non la meritava affatto. E quindi, proviamo a riassumere in cinque brevi motivi perchè Benitez fallirà a Madrid.

IL CAMPIONATO – L’obiettivo principale del Real Madrid per le prossime stagioni, oltre a quello di figurare bene in Champions e in Copa Del Rey, è quello di spodestare il Barcellona e ritornare a vincere il campionato dopo l’egemonia dei blaugrana condita con una vittoria due anni fa dell’Atletico Madrid. Vi starete chiedendo dove sia il problema? Eccolo qui, Benitez non vince un campionato dal 2003-2004, quindi non sembrebbe il più adatto a condurre il Madrid in questa impresa.

Verratti sembrerebbe essere vicinissimo al Real di Benitez

Verratti sembrerebbe essere vicinissimo al Real di Benitez

GLI ACQUISTI SBAGLIATI – Al Real è diverso, si sa. Se vuoi un calciatore basta chiederlo e ti sarà dato, e i nomi ultimamente usciti non sembrano i più adatti per rinforzare veramente il Real Madrid. Verratti e Sterling sono due buonissimi calciatori ma, se saranno presi a cifre esorbitanti, si correrà il rischio di farli diventare due “flop” rivenduti a poco o niente tra qualche anno, tutto questo perché saranno bloccati da altri campioni che il Real già possiede in quei ruoli.

IL MODO DI GIOCARE – Benitez manca dal calcio spagnolo da moltissimo tempo e negli anni ha modificato il suo gioco, soprattutto durante la sua lunga permanenza al Liverpool. Ha sviluppato un modo di giocare a tutto campo, con un 4-2-3-1 dove gli esterni devono sacrificarsi molto per aiutare la squadra in fase difensiva, per poi essere i primi a ripartire in caso di palle conquistata. Ora la domanda sorge spontanea, Ronaldo e Bale saranno disposti a sacrificarsi? La risposta è naturale, si. Almeno per noi.

L’AMBIENTE CONTRARIO – E’ risaputo in quelli di Madrid, il preferito per la panchina era Klopp, ma Perez ha scelto di premiare il madridismo di Benitez scegliendo lui, a sorpresa. Una sorpresa che non è piaciuta molto all’ambiente dei tifosi ma nemmeno a quello dei calciatori, che erano molto legati ad Ancelotti e sembra che non tutti abbiano digerito per bene la scelta di esonerarlo per ripartire da un altro mister.

LA PRESSIONE DEL MADRIDISMO – E’ l’ultimo motivo perché da tifoso del Real immagino cosa possa essere. Entrare nel campo dei tuoi sogni, nei posti dove un tempo sedevi da bambino, per guidare la squadra del tuo cuore. E se la partita non la vinci come fai? Riuscirai a sopportare la pressione e la sofferenza del tuo popolo, che soffre come te, perché per l’ennesimo anno a trionfare saranno gli altri e non tu? Benitez ha dimostrato di saper reggere la pressione, rimanendo sempre concentrato ma qui è diverso. Qui stiamo parlando del Real Madrid, del club che colora il tuo cuore.

Raul Parrella ( @RaulParrella)

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *