Giuseppe Landi
No Comments

Da Mastro Geppetto a Pinocchio: la favola di Berlusconi

Il 'caso Ancelotti' l'ultima messa in scena del numero uno rossonero

Da Mastro Geppetto a Pinocchio: la favola di Berlusconi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Ringrazio il Milan per l’interesse. È difficile dire di no a un club che voglio tanto bene. Devo riposare. Vi auguro il meglio”. E’ finalmente arrivata la tanto attesa risposta di Carletto Ancelotti alla proposta del Milan e di Adriano Galliani.

Secco no, un’altra messa in scena in vista delle elezioni diranno in molti. Come dargli torto. Berlusconi che fino a qualche anno fa era considerato il mastro Geppetto del Milan, colui in grado di realizzare un pezzo unico, raro. Un club capace di restare in cima al mondo per diversi anni, che invece ora vede il baratro. Il numero uno rossonero veste in questo momento le parti di Pinocchio, le bugie arrivano ormai una dietro l’altra. Forse non avrà più le risorse per investire? O si sarà stancato di vincere? Probabilmente ha deciso di chiudere i rubinetti e godersi questi anni. Dopo quest’ultimo autogol clamoroso servirebbe chiarezza, sinonimo di rispetto per quei tifosi che fino ad oggi non hanno mai esagerato nelle proteste. Perché questi continuano ad essere da Milan, i vertici no. 

@PepLandi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *