Massimiliano Riverso
No Comments

Milano senza Europa e senza lode. Moratti e Berlusconi “Qua la mano”

Milano senza Europa e senza lode. Moratti e Berlusconi “Qua la mano”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Un anno ‘fetuso’ per il Diavolo e il Biscione, il primo anno in cui almeno una delle due milanesi non entra in quella Europa che aveva attribuito allo stadio Giuseppe Meazza il titolo di ‘Scala del Calcio’.

Inter e Milan fanno parte della storia del calcio europeo, un patrimonio culturale che negli ultimi anni è stato dilapidato prima da Silvio Berlusconi e poi da Massimo Moratti, una decadence finanziaria che nessuno di noi si aspettava. Al di là di scelte tecniche rivedibili, il crollo delle milanesi è coinciso con la riduzione negli investimenti di due presidenti che non hanno mai badato a spese. Vedere Galliani sbattersi per dei parametri zero e la triade nerazzurra inanellare un bidone dietro l’altro fa veramente tristezza. Il calcio internazionale e nazionale ha bisogno delle due squadre meneghine, come migliaia di tifosi che puntualmente stanno disertando la platea del calcio.

Il Milan ripartirà da Berlusconi e da uno dei cinque allenatori di cui vi ho parlato stamane, l’Inter dalla strana coppia Thohir-Mancini. Adesso serve investire palanche sul mercato, conditio sine qua non per evitare l’ennesima annata horribilis.

@MassiRiverso

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *