Connect with us

Moto Gp

MotoGP Mugello, continua con i Test Michelin

Pubblicato

|

foto: Alessandro Giberti
MotoGP: Rossi nel box Yamaha Movistar

MotoGP: Rossi nel box Yamaha Movistar

Il paddock della classe regina è sostato anche il lunedì, primo giugno al Autodromo del Mugello per i test unofficial delle gomme della Michelin (per la seconda volta quest’anno) che diventerà fornitore ufficiale MotoGP dal 2016.

La giornata di test interessava solo i big del motomondiale che hanno iniziato a uscire in pista dalle 10 del mattino. Non disponiamo di tempi ufficiali vista l’interdizione fatta dalla Bridgestone, attuale fornitore. Nel corso delle uscite, sono scivolati in tre oggi: Marc Marquez (Repsol Honda Team) nella mattinata, Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) alla Biondetti, e il teammate Valentino Rossi all’Arrabbiata 1. Per fortuna, nessuno dei tre ha riportato conseguenze. Presenti anche Dani Pedrosa compagno di Marc, Alvaro Bautista (Aprilia Racing) e per la #Ducati, sono usciti Andrea Dovizioso e il collaudatore Michele Pirro.

La domanda che viene spontanea è: Per quale motivo i piloti sono costretti a partecipare ai test di questo tipo rischiando un infortunio quando il campionato è ancora lungo? Tutte le case partecipanti dispongono anche di collaudatori che potrebbero svolgere questo tipo di test.

Continue Reading
2 Comments

2 Comments

  1. Fabio Avossa

    2 giugno 2015 at 18:08

    Perchè il mestiere di collaudatore è diverso da quello delpilota; solo i piloti ufficiali sono in grado di arrivare al limite (e forse anche di superarlo).
    Se così non fosse basterebbe mandare i collaudatori a disputare le gare; in fase di sviluppo l’ultima parola spetta sempre al pilota per deliberare un particolare.

  2. danilo

    5 giugno 2015 at 19:15

    E se si fossero infortunati 2 dei pretendenti al titolo? Il mondiale sarebbe bello noioso…. i collaudatori dovrebbero seguire lo sviluppo almeno fino alla pausa estiva per nn rischiare i titolari senza avere i tempi necessari per un eventuale recupero.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending