Connect with us

Football

Al San Paolo è spettacolo. 4-2 Lazio e terzo posto biancoceleste!

Pubblicato

|

Lazio esultanza.

Nemmeno il più grande regista avrebbe potuto inventare un copione simile. Al San Paolo Napoli e Lazio danno vita ad una partita pazzesca. Alla fine la spuntano i biancocelesti che si impongono per 4-2 e si guadagnano l’accesso ai preliminari di Champions League.

DOPPIO VANTAGGIO- La squadra di Pioli scende in campo attenta, concentrata e consapevole del fatto che basti anche un pareggio. I padroni di casa faticano a trovare spazi ma hanno una grandissima occasione con Callejon che, solo davanti a Marchetti, manda clamorosamente a lato. E allora si sveglia la Lazio che realizza un uno-due targato Parolo-Candreva. Il centrocampista ex Parma beffa Andujar con una botta da 25 metri mentre l’esterno romano si invola e sigla il raddoppio su un perfetto assist di Lulic.

MAI DIRE E’ FINITA – Sembrava finita. Ma mai dirlo. Callejon serve Higuain ed è 1-2. De Vrij salva sulla linea su Mertens ma Parolo si fa espellere. Ed ecco che arriva il pari sempre di Higuain. L’inerzia della partita ora sembra pendere dalla parte del Napoli. Ma Ghoulam dà un calcio alla fortuna facendosi espellere e così la parità numerica si ristabilisce. Ma l’emozioni non sono finite. Lulic stende Maggio: il fallo sembra fuori area ma Rocchi concede il rigore. Dal dischetto va Higuain che spara alto. E allora la Lazio si risveglia e segna con Onazi, entrato al posto di Cataldi, perfettamente imbeccato da Ledesma, che ha sostituito Felipe Anderson. La ciliegina finale la mette Klose. 2-4 al San Paolo. Gioia e terzo posto Lazio. Lacrime Napoli.

TABELLINO E PAGELLE NUMERICHE 

Napoli (4-2-3-1): Andujar 5,5; Maggio 6, Albiol 5,5, Koulibaly 5,5, Ghoulam 4; David Lopez 6, Inler 5 (8′ st Gabbiadini 6); Callejon 5,5 (44′ st Zapata s.v.), Hamsik 5,5, Mertens 6,5 (32′ st Insigne s.v.); Higuain 5. A disp.: Rafael, Colombo, Henrique, Zuniga, Strinic, Mesto, Jorginho, Gargano. All.: Benitez

Lazio (3-4-3): Marchetti 6; Mauricio 6, De Vrij 7,5, Gentiletti 6; Basta 6,5; Parolo 5, Cataldi 6,5 (dall’82’ Onazi 7), Lulic 6; Candreva 6,5, Djordjevic 6,5 (32′ st Klose s.v.), F. Anderson 6 (20′ st Ledesma 7,5). A disp.: Berisha, Strakosha, Novaretti, Cana, Ciani, Braafheid, Keita, Mauri, Perea. All.: Pioli

Arbitro: Rocchi

Marcatori: 33′ Parolo (L), 46′ Candreva (L), 10′ st e 19′ st Higuain (N), 40′ st Onazi (L), 47′ st Klose (L)

Ammoniti: Djordjevic, Mauricio, Parolo, Candreva (L), Goulham, Andujar (N)

Espulsi: Parolo (L), Ghoulam (N)

TOP E FLOP NAPOLI-LAZIO

TOP

DE VRIJ 7,5 – Quel salvataggio sulla linea sull’1-2 vale mezza Champions. Un difensore di altissimo livello che retto la baracca per tutta la stagione. Immenso.

LEDESMA 7,5 – E’ l’ultima partita con la maglia della Lazio. Pioli lo getta nella mischia e  lui risponde alla grande. Si piazza davanti alla difesa, chiude tutto, fa espellere Ghoulam, fa l’assist a Onazi e pennella la punizione per il gol di Klose. Protagonista assoluto.

ONAZI 7 – L’uomo che non ti aspetti. Segna il gol Champions. E diventa l’eroe inatteso. Benedetto.

FLOP

PAROLO 5 – Difficile dare un’insufficienza a chi segna. Ma nel secondo tempo va completamente nel pallone: perde la palla da cui nasce l’1-2 e si fa espellere. Piccola macchia in una stagione straordinaria.

HIGUAIN 5 – Fa la doppietta sì ma quel rigore pesa come un macigno. Uno come lui non può sbagliarlo. Che avesse già la testa altrove?

Gianpiero Farina

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending