Davide Luciani

Giro d’Italia, da Montecchio Maggiore a Jesolo: presentazione tredicesima tappa

Gara adatta per i velocisti, dato che sarà tutta pianeggiante: occhio, quindi, a Elia Viviani

Giro d’Italia, da Montecchio Maggiore a Jesolo: presentazione tredicesima tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La tredicesima tappa del Giro d’Italia, che si correrà da Montecchio Maggiore a Jesolo è il percorso ideale per i velocisti. I 147 km che bisognerà percorrere, infatti, sono completamente pianeggianti

IL PERCORSO
Dopo la partenza da Montecchio, i ciclisti attraverseranno Vicenza e si sposterà verso Venezia, Dopo lo start, si attraverserà la città di Vicenza e si sposterà verso Venezia, toccando le località di Mirano, Mestre e persino all’aeroporto “Marco Polo” di Tessera. In questa tappa vi sarà anche una sorta di “percorso della memoria”, dato che i ciclisti percorreranno verso zone care alla Grande Guerra  (della quale per l’Italia ricorre il centenario) come Musile e San Donà di Piave, paesi di frontiera negli estenuanti combattimenti lungo il fiume, avvenuti dopo la disfatta di Caporetto. A Jesolo si passa una prima volta a sedici chilometri dal traguardo, poi si allarga il giro verso Cortellazzo prima dell’arrivo finale in via del Bersagliere, dove con tutta probabilità si assisterà ad uno sprint di gruppo.
Questa è la tipica tappa fatta per velocisti.

Elia Viviani ,uno dei favoriti della tredicesima tappa

Elia Viviani ,uno dei favoriti della tredicesima tappa

CURIOSITA’
E’ la prima volta che il Giro d’Italia parte da Montecchio Maggiore, mentre per ben 4 volte, Jesolo, è stata arrivo di tappa. La Corsa Rosa, però, non tornava qui, dal lontano 1988. Ad aggiudicarsi la tappa (che in quell’occasione partì da Arta Terme) fu Paolo Rosola. Quella fu la terz’ultima tappa del Giro che avrebbe visto trionfare l’americano Andrew Hampsten.

Share Button