Jacopo Gino
No Comments

Horror Inter sul mercato: La flop 11 degli acquisti post Triplete

La Juve vola sul campo e progetta un futuro sempre più brillante. La domanda allora sorge spontanea, come ha fatto l'Inter a ridursi così male nel post Triplete?

Horror Inter sul mercato: La flop 11 degli acquisti post Triplete
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Juve vola sempre di più, sulle ali dei risultati sportivi e dei primi colpi di mercato che fanno morire di invidia gli avversari storici: d’altra parte i bianconeri potranno sfruttare una vera e propria “barcata” di milioni (si parla di 100 milioni solo derivanti dal cammino in Champions League, senza tenere conto delle possibili partenze eccellenti) per rinforzarsi ulteriormente e mantenersi al top in Italia ed in Europa. La domanda sorge però spontanea: come ha fatto l’Inter – sul tetto d’Europa e del mondo solo 5 anni fa – a bruciare tutto quanto costruito e a ritrovarsi nella situazione attuale? Sicuramente la squadra di Mourinho era costruita su giocatori over 30, arrivati all’apice della loro carriera e non in grado di mantenere i livelli incredibili raggiunti nella stagione 2009/2010. Il problema è stato allora quello di non essere in grado di portare avanti il progetto, rinforzando la rosa e sostituendo gli elementi arrivati a fine ciclo. Eppure l’Inter negli ultimi 5 anni ha speso molti soldi, senza però riuscire a tornare al top: gli errori di mercato sono stati così grossolani e roboanti che non è stato difficile stilare una top 11 delle operazioni di mercato “horror” della squadra milanese nel post Triplete.

DIFESA – In porta il posto da titolare spetta a Emiliano Viviano: riscattato nel giugno del 2011 per 4,5 milioni di euro (altra metà era stata pagata un anno prima 3,5 milioni), il portiere Toscano non riuscirà mai ad esordire in maglia nerazzurra a causa di un infortunio al ginocchio rimediato nel ritiro estivo. La coppia di centrali è composta dal duo Silvestre-Ranocchia: il primo, arrivato nell’estate del 2012 per 6 milioni, ha disputato solo 20 partite con la maglia nerazzura, risultando spesso insufficiente; il secondo è tuttora all’Inter e ha l’onore (ahinoi!) di indossare la fascia di capitano ereditata da Javier Zanetti: il suo rendimento, seppur altalenante, forse non giustificherebbe l’inserimento in questa speciale classifica dei peggiori acquisti, non fosse che il suo cartellino sia stato pagato da Branca e Co. la bellezza di 18,5 milioni. Sugli esterni non c’è stata storia: hanno vinto a mani basse i due terzini sudamericani Jonathan e Pereira. Il brasiliano, arrivato a Milano con l’appellativo di nuovo Maicon, è costato 5 milioni e si è fatto riconoscere più per le sue caratteristiche da “macchietta” che per le sue qualità in campo. Il secondo, costato ben 13 milioni, è stato probabilmente il più grande flop di mercato dei nerazzurri degli ultimi 10 anni (a pari merito con Mancini e Quaresma).

Horror Inter post Triplete

Horror Inter post Triplete

CENTROCAMPO – centrocampo a 4 in linea per questa formazione horror: sulle fasce Schelotto – pagato 5 milioni nel gennaio del 2013 – e Alvarez – pagato ben 11 milioni nell’estate del 2011. Al centro Taider e Gargano: l’algerino è costato ben 8 milioni di euro nel 2013, l’uruguaiano è arrivato in prestito oneroso da 1,25 milioni nel 2012 e non è mai stato riscattato. In mezzo al campo meritano una menzione anche M’Vila e Palombo, pagati ciascuno 1 milione per il prestito oneroso e mai riscattati dai club di provenienza.

ATTACCO – La coppia di “bomber” che al solo ricordo fa ancora imprecare i tifosi nerazzurri è formata da Diego Forlan e Ishak Belfodil. L’ex Atletico Madrid è costato 5 milioni nel 2011 nonostante il contratto in scadenza l’anno seguente, l’ex Parma è arrivato nel 2013 ed è costato 7 milioni per la comproprietà più il cartellino di Antonio Cassano, regalato al club ducale un anno prima della scadenza del contratto. Quasi indimenticabile anche la parabola di Mauro Zarate, arrivato all’Inter con un prestito oneroso da quasi 3 milioni e scomparso dal calcio che conta dopo un anno di bassissimo livello.

La flop 11 dell’Inter post Triplete potrebbe quindi essere la seguente.
INTER (4-4-2): Viviano; Jonathan, Ranocchia, Silvestre, Pereira; Schelotto, Gargano, Taider, Alvarez; Forlan, Belfodil

Costo complessivo della formazione titolare? Oltre 85 milioni di euro! Roba da mettere i brividi, soprattutto se si pensa che la formazione titolare della Juve 2014/2015, ad eccezione di Buffon (pagato dalla Juve 50 milioni di euro nel lontano 2001), è costata solo 75 milioni

@jacopogino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *