Gianpiero Farina

Lazio, ecco cinque motivi per cui puoi battere la Juventus

Vigilia della finale di Coppa Italia. I biancocelesti cercano il settimo sigillo

Lazio, ecco cinque motivi per cui puoi battere la Juventus
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Mentre le polemiche sullo spostamento del derby continuano, domani la Lazio scenderà in campo e affronterà la Juventus nella finale di Coppa Italia. I biancocelesti cercano il grande colpo. Ecco cinque motivi per cui crederci.

MENTALITA’ VINCENTE – La vittoria contro la Sampdoria è stata ottenuta con caparbietà, carattere, determinazione, cinismo e capacità di soffrire. Tutte capacità che alla Lazio sono quasi sempre mancate. Ma forse, quel tanto agognato processo di maturazione, è finalmente terminato e i capitolini hanno acquisito una mentalità vincente. E in una finale secca questo può essere fondamentale.

Gentiletti e De Vrij: la Lazio ritrova la sua coppia difensiva titolare proprio contro la Juve.

Gentiletti e De Vrij: la Lazio ritrova la sua coppia difensiva titolare proprio contro la Juve.

GENTILETTI E DE VRIJ – Il ritorno di Gentiletti, oltre a fruttare il gol vittoria, ha ridato tranquillità al reparto difensivo. E domani sarà totalmente a disposizione anche De Vrij. Forse non giocheranno entrambi dal primo minuto ma la loro presenza garantisce quella sicurezza che sembrava essersi un po’ smarrita.

BUONA CONDIZIONE – La Lazio sembra essere in una buona condizione. Ovviamente il non aver giocato le coppe è un vantaggio da non dimenticare. Candreva, Parolo e Basta, solo per citarne alcuni, sembrano davvero essere al top. La Juventus è avvisata…

L’OLIMPICO – E’ vero che l’Olimpico in questo caso va considerato stadio neutro e che anche la tifoseria juventina sarà ben rappresentata, ma giocare in quella che è la propria casa darà sicuramente una spinta e una carica in più. Il famoso dodicesimo uomo, domani, può essere importantissimo.

IL FEELING CON LA COPPA ITALIA – La Lazio e quel feeling con la Coppa Italia: 6 vittorie su sette finali. Una sola sconfitta quindi, datata 1961. Dunque la squadra di Stefano Pioli può aggrapparsi anche alle statistiche e alla storia. L’attesa sta per finire. Lazio-Juventus: ci siamo.

Gianpiero Farina

 

Share Button