Davide Luciani
No Comments

Giro d’Italia, presentazione settima tappa

La settima tappa è la più lunga del Giro d'Italia e attraversa due regioni: la toscana e il Lazio

Giro d’Italia, presentazione settima tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Andrè Greipel, vincitore della sesta tappa del Giro d'Italia

Andrè Greipel, vincitore della sesta tappa del Giro d’Italia

La settima tappa del Giro d’Italia, quella che da Grosseto poterà  Fiuggi, è la più lunga della corsa: 264 km. La frazione è priva di vere asperità, ma è caratterizzata da tratti abbastanza mossi nella parte finale.

LA TAPPA
La tappa parte dalla Toscana e termina nel Lazio, coinvolgendo quattro città: Grosseto, Viterbo, Roma, Frosinone.
I primi 70 km avranno come scenario la strada a scorrimento veloce Aurelia, poi i corridori entreranno in quella maremmana. Il Gpm è posto a Monterotondo, su un breve strappo. Superata Tivoli (nella frazione di Ponte Lucano) verranno affrontati gli ultimi 60 km piuttosto articolati. A circa 15 km dal traguardo  c’è una svolta a ‘U’ che immetterà in una breve discesa con strada  che, in alcuni tratti, si restringe.  La corsa si sposterà, infine, sulla strada nuova Anticolana, dove partiranno gli ultimi 10 km leggermente in salita.
Due i traguardi volanti della giornata: il primo è posto al km 151,8, all’autodromo di Vallelunga; il secondo dopo 229,7 km, in località Cave. La partenza della corsa è prevista per le 10.25, l’arrivo  fra le 17 e le 17,30.

CURIOSITA’
Esclusa questa, per sette volte la cittadina termale è stata sede d’arrivo: nel 1940 (vittoria di Generati), nel 1948 (De Zan), nel 1962 (il belga Schroeders), nel 1973 (Rossi), nel 1980 (lo spagnolo Cubino), nel 1996 (lo spagnolo Fernandez) e nel 2011 (lo spagnolo Ventoso).

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *