Giulia Cassini
No Comments

Magurno – Sanguineti. Genova est contro ovest, chi vincerà?

I fermo immagine della Genova anni Ottanti tra ricchezza e miseria commentati da Edoardo Sanguineti

Magurno – Sanguineti. Genova est contro ovest, chi vincerà?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Magurno -Sanguineti. Sala Liguria prima dell'inaugurazione

Magurno -Sanguineti. Sala Liguria prima dell’inaugurazione

Magurno e il suo reportage sulla Genova dei favolosi o meno anni Ottanta: dipende dai punti di vista, da dove si trova l’obiettivo, sia esso al Carlo Felice o ad una cena di gala della Costa oppure sugli scogli che fanno da giaciglio ad un migrante o ancora tra i manovali al Porto. Fatiche, smorfie, sorrisi spontanei o fittizi, notabili col cappello, signore vestite di giaietti, ma soprattutto la Superba, cioè Genova ritratta da Magurno.

L’AUTORE – Fulvio Magurno (Ravanusa, Agrigento, 1958) non ha bisogno di presentazioni, visto il suo palmares di mostre in Italia, Svizzera e Francia.  E’ autore di diversi libri fotografici accompagnati da testi importanti come quelli di Antonio Tabucchi, Nico Orengo, Maurizio Maggiani e Giuseppe Mercenaro. Nel 1991 ha vinto lo “Yann Geffroy International Documentary Prize” e l’anno successivo il prestigioso “European Panorama” ad Arles.

 SCRIVE SANGUINETI – Uno sguardo da est a ovest, e dall’ipotetico duello quale immagine resterà più nel cuore? Come magistralmente scrisse Edoardo Sanguineti “la Genova e le Riviere che Magurno registra sono metodicamente e esclusivamente un paesaggio umano, una geografia sociale, uno spazio storico..Lo sguardo è quello dell’etnologo, che estranea, quasi strano e estraneo e straniero, l’oggetto della visione, puntando a rivelarlo in forte spaesamento. (..)L’evento che l’istantanea preleva appartiene alla quotidianità, ma negli interni come negli esterni, quello che importa è quanto vi è contenuto di cerimoniale, di rituale(..)”. La mostra su Magurno è infatti ancor più impreziosita dal catalogo edito da Canneto Editore con testo inedito del celebre poeta, scrittore, critico e Deputato alla Camera (1979-1983)Edoardo Sanguineti, che scrisse per questo lavoro nel 1992.

Allestimento rigorosissimo, come si conviene per meglio apprezzare il lavoro di Magurno, fino al 31 maggio (ingresso libero tutti i giorni dalle 10 alle 18) presso la Sala Liguria, al piano nobile del genovese Palazzo Ducale.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *