Davide Luciani
No Comments

Giro d’Italia: il giorno dell’Abetone. La presentazione della quinta tappa

Il Giro si sposta in toscana con la scalata del Monte Abetone, cima dove nacque la leggenda di Coppi

Giro d’Italia: il giorno dell’Abetone. La presentazione della quinta tappa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Diego Ulissi ha vinto l'ottava tappa del Giro

Diego Ulissi, vincitore di due tappe nel Giro ’14

La quinta tappa del Giro d’Italia è un percorso di 152 km totali  con partenza da La Spezia e arrivo sull’Abetone, in Toscana.  Si tratta ancora una volta di un percorso di media montagna, ma, per la prima volta, l’arrivo sarà in salita. Nonostante quest’ultimo particolare, la tappa non è selettiva come si potrebbe pensare.

LA TAPPA
L’inizio della quinta tappa è soft: la partenza, infatti, sarà in pianura e la prima scalata, è la non impossibile Foce Carpinelli. La lunga discesa in Garfagnana e il tratto successivo in falsopiano avvicina alla salita finale verso l’Abetone. La vera faticaccia inizia a La Lima (17 km). Questo tratto della montagna pistoiese, attraversato appunto dal fiume La Lima, è un troncone di circa 8 km con pendenza media del 7% e massima del 10%. Negli ultimi 5 km la salita è molto più morbida. Infine, ecco la scalata dell’Abetone: 17,3 chilometri, al 5,4 per cento. Le pendenze più ostiche sono concentrate nella parte centrale, mentre i primi e gli ultimi chilometri spianano notevolmente con pendenze abbondantemente sotto il 5%.
Il rettilineo finale, invece, è lungo 100 metri e tutto in salita, al 5 per cento (fondo in asfalto della larghezza di 5,5 metri).

CURIOSITA’
L’Abetone è una montagna storica per il Giro s’Italia. La sua prima apparizione alla “corsa rosa” è datato 1928. Al suo nome è legato uno degli eventi storici più emozionanti del Giro.
Su questa salita è infatti nato, nel 1940, il mito di Fausto Coppi. Il “Campionissimo”, nel Giro di quel’anno, piazzò una mitica volata proprio sulla montagna toscana e vinse la corsa arrivando per primo a Modena, dopo una fuga di un centinaio di km. Oltre a tanti passaggi, l’Abetone è stato sede di tappe per tre volte nella storia del Giro d’Italia: nel 1954 (tappa vinta da Gianneschi), nel 1959 (dove trionfò Gaul) e nel 2000 (successo di Casagrande).

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *