Enrico Cunego
No Comments

Playoff Nba: Paul Pierce sulla sirena, è 2-1 Wizards su Atlanta

Dopo aver rimontato clamorosamente ben 20 punti nel quarto finale, gli Hawks vedono sfumare il supplementare grazie ad un canestro allo scadere di "The Truth"

Playoff Nba: Paul Pierce sulla sirena, è 2-1 Wizards  su Atlanta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Alla fine ci pensa sempre “The Truth”, altrimenti noto come Paul Pierce. L’ex stella dei Boston Celtics regala il successo per 103-101 ai Washington Wizards con un elettrizzante tiro sulla sirena, dopo che i padroni di casa si erano fatti rimontare ben 21 punti in soli 10′ da dei redivivi Atlanta Hawks, i quali sono arrivati vicinissimi dal compiere un’impresa storica nella storia dell’Nba. Sembrava una gara scontatissima ad inizio ultimo quarto questa gara -3, ma il calo di concentrazione avrebbe potuto essere fatale per la squadra di coach Wittman, ancora priva dell’acciaccato John Wall. Ma alla fine meno male che c’è ancora, a 37 anni, “The Truth”.

DOMINIO WIZARDS – Come anticipato, Paul Wall non riesce a recuperare dai dolori alla mano sinistra e perciò è costretto a seguire ancora una volta i suoi da bordo campo. Wizards che però fin dalle prime battute si dimostrano assoluti dominatori del campo, con i vari Nene, Porter e Beal (17 punti a testa) estremamente pericolosi sotto canestro e trascinatori dei capitolini, che nei primi due quarti annullano difensivamente il poco preciso e dannoso attacco dei “falchi”, vittime di una prima parte di serata decisamente negativa al tiro. Il primo quarto si conclude sul 28-18, mentre nel secondo, grazie anche ai 14 punti con 8 rimbalzi totali di Gortat, vede incrementare il vantaggio Wizards fino al 56-43 totale, un +13 che pare avviare la gara verso il District of Columbia

MIRACOLOSO PIERCE – Il terzo quarto sembra confermare in pieno l’andamento della gara, con i Wizards assoluti padroni del campo e con i trionfatori della Wastern Conference in estrema difficoltà. Porter e compagni  controllano agevolmente la gara e proprio la schiacciata del numero 8 a 3’43” dalla fine del parziale fa saltare di gioia John Wall, ormai anche lui convinto dell’agevole e meritata vittoria da parte di Washington. Nel quarto finale i Wizards raggiungono quota 21 punti di distacco ma a 10′ dalla fine inizia qualcosa di inimmaginabile.

Trascinati da Teague e Schroder (18 punti a testa), gli Hawks riaccufano clamorosamente l’incontro e dopo una lunghissima rincorsa a 14″ dalla fine si realizza quella che potrebbe essere un’autentica beffa per i padroni di casa: Mike Muscala trova la pesantissima tripla del 101-101 facendo esplodere di gioia la panchina degli Hawks, che ora vede vicinissimo un supplementare che sembrava solo un miraggio ad inizio dell’ultimo parziale. Ma quando ormai in casa Wizards sembrano essersi rassegnati all’over-time, ecco apparire quel “vecchietto terribile” di Paul Pierce: il fenomenale campione californiano riceve palla a 3″ dalla fine, si libera dalla marcatura di Schroder e saltando all’indietro firma il canestro del 103-101 finale che sulla sirena fa esplodere il “Verizon Center”. E’ il secondo canestro sulla sirena consecutivo che decide una gara di play-off dopo quello realizzato da Derrick Rose contro i Cavs venerdì scorso. Questa volta arriva da un giocatore semplicemente infinito

Wizards: Porter, Beal e Nene 17 punti, Gortat 14, Pierce 13 Assist: Beal 8 Rimbalzi: Porter 9

Hawks: Schroder e Teague 18 punti, Carroll 14, Horford 12 Assist: Teague 7 Rimbalzi: Horford 10

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *