Redazione
No Comments

Padelli scalcia l’Europa

Papera clamorosa che costerà cara al Torino

Padelli scalcia l’Europa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il portiere del Torino dopo l’ultima clamorosa papera, rischia di compromettere seriamente la rincorsa della squadra granata all’Europa League.

Il Ragazzo Nomade – Daniele Padelli nasce il 25 ottobre del 1985 a Lecco, inizia la sua carriera tra le fila del Delebio, squadra che attualmente gioca in seconda categoria in valtellina. Da qui inzia il suo girovagare, inizialmente approda nelle giovanili della Sampdoria, viene girato in prestito al Pizzighettone in serie C dove realizza 33 presenze, una breve parentesi per fare esperienza e farsi notare. Nel 2007 è il Liverpool a prenderlo in prestisto dalla formazione ligure, purtroppo una esperienza negativa con l’esordio in premier league che arriva solo al’ultima giornata. Torna in Italia e continua il suo purgatorio con le maglie di Pisa, Avellino e Bari, tutte esperienze in prestito in cui non risce a mostrare il suo reale valore; finisce per trasferirsi in Friuli, all’Udinese, tuttavia con la maglia bianconera parte come secondo, scendendo in campo solo 12 volte.

Il portiere del Torino dopo la clamorosa papera

Il portiere del Torino dopo la clamorosa papera

IL TORINO – Nel 2013 la svolta, Urbano Cairo di comune accordo con il mister Ventura complice anche la squalifica di Gillet per calcio scommesse, decide di affidargli la porta granata. Parte in sordina, ma partita dopo partita riesce a dimostrare di esser un buon portiere per la serie A e molto affidabile anche in Europa League, portando la squadra torinese sino agli ottavi contro lo Zeint. La formazione del tecnico ligure era ripartita dopo l’eliminazione puntando forte alla qualificazione all’ Europa per l’anno prossimo, e proprio nel momento migliore, quando anche l’estremo difensore sembrava avesse trovato l’ambiente ideale e il giusto contesto psicologico, ecco la gravissima papera che rischia di far tramontare tutto ciò che di buon è stato fatto fino ad ora. Un errore degno del meglio di “Mai dire goal“, se la gialappas fosse ancora in onda sarebbe nominata la papera dell’anno.

Luca Minetti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *