Manlio Mattaccini
No Comments

I cinque ciclisti colombiani più forti della storia

Non solo Quintana ed Uran: a pochi giorni dal via del Giro, scopriamo i grandi ciclisti sudamericani del passato

I cinque ciclisti colombiani più forti della storia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Nairo Quintana, il vincitore del Giro d'Italia 2014

Nairo Quintana, il vincitore del Giro d’Italia 2014

A pochi giorni dal via ufficiale, la Corsa Rosa ha già le sue certezze. La prima, risaputa da tempo, è che il detentore Quintana non difenderà il titolo. La seconda, invece, riguarda lo spettacolo: anche quest’anno la pattuglia colombiana( che annovera Uran e Betancur) al via garantirà scintille lungo il percorso. Le pendenze arcigne delle nostre salite, per i corridori del paese sudamericano, sono viste come le montagne russe: un’occasione per divertirsi e divertire il pubblico. Il cartello che indica l’inizio di un’ascesa è visto come una sfida, più che come una minaccia, per chi l’alta quota ce l’ha nel Dna. Il Mondiale di Duitama, corso nel 1995, è ricordato come uno dei più belli e duri di sempre. E in quelle strade sono nati e cresciuti alcuni corridori, del presente e del passato, capaci di ritagliarsi il proprio importante spazio nelle corse a tappe. Mettendo un attimo da parte i già pluridecorati Quintana e Uran, diamo uno sguardo a qualche anno fa.

5) GONZALEZ PICO “CHEPE” – Corridore generoso e coraggioso, conosce il suo momento di gloria a cavallo tra il vecchio e il nuovo Millennio. Sarà principalmente l’Italia a portargli fortuna, prendendo parte consecutivamente al Giro dal 1997 al 2001. Tipico “cacciatore” di tappe, non riuscirà mai a far classifica ed  entrare nei “dieci”: tuttavia conquista due vittorie di tappa e soprattutto la maglia verde, simbolo di miglior scalatore, nel 1997 e nel 1999.

4) OLIVEIRO RINCON – Originario proprio di Duitama, si “allena” sin da piccolo a consegnare in bici il pane nei quartieri della sua città. Negli anni in cui alcuni suoi connazionali riescono a sbancare in Europa, passa al ciclismo professionistico. Sarà protagonista negli anni ’90 vincendo tappe in tutti e tre i Grandi Giri. Sfiora il podio più volte alla Vuelta e annovera un ottimo quinto posto nel Giro 1995. Smette di correre giovane, nel 1998, appena 30 enne.

3) SANTIAGO BOTERO – Esponente della “terribileKelme d’inizi anni 2000, è la grande speranza del ciclismo colombiano per vincere il Tour. Regolarista in salita, va forte soprattutto a cronometro: questa sua caratteristica gli farà vincere tappe contro il tempo nella Gran Boucle e il titolo iridato di specialità a Zolder nel 2002. Negli anni della discussa “era Armstrong“, all’arrivo nei Campi Elisi non riuscirà comunque mai ad andare oltre il quarto posto finale.

2) FABIO PARRA – Il “condor delle Ande“, fratello di Ivan Parra, sul podio invece c’è salito, eccome. Non ha mai legato con l’Italia, ma a Tour e Vuelta è assoluto protagonista. Conclude tutte le edizioni della corsa spagnola sempre nella Top Ten, con una seconda piazza nel 1989 ad una manciata di secondi da Delgado, ma soprattutto è il primo colombiano a finire sul gradino più basso del podio nella Gran Boucle, nel 1988. Fino a quando Quintana, nel 2013, avrebbe fatto un balzo in più nella storia.

1) LUIS HERRERA – Prima di Quintana, “Lucho” è stato l’unico sudamericano a vincere una grande corsa a tappe: infatti fa sua la Vuelta nel 1987. Ma non si ferma qua: riesce a conquistare il titolo di miglior scalatore sia in Spagna, che al Giro e al Tour. Nonostante il suo gran talento, mancherà l’acuto in Francia, dove finirà al massimo quinto. Prima del ritiro disputa un buon Giro, nel 1992, dove arriva ottavo e vince l’arrivo in salita del Terminillo.

Manlio Mattaccini

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *