Davide Luciani
No Comments

Chelsea, storia di un campionato dominato

I Blues hanno vinto una Champions dominata: ecco le tappe del trionfo dei Mourinho boys

Chelsea, storia di un campionato dominato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il gol di Hazard (rigore respinto da Sperioni e pallone ribadito in rete dal belga) contro il Crystal Palace ha regalato al Chelsea il terzo titolo della gestione Mourino, il quindicesimo alloro in dodici anni della presidenza Abramovich. Non è stata una Premier bella, ma non vi è dubbio che abbia vinto la squadra più forte. I Blues hanno dominato dalla prima giornata e, a fine campionato, avranno passato 274 giorni giorni consecutivi in testa alla classifica, un record.

SENZA RIVALI
Va detto che Terry e compagni non hanno mai avuto un rivale credibile. I campioni uscenti del City (in testa con la squadra di Mou una sola volta, il primo gennaio) si è sciolto come neve al sole a causa delle sue stesse contraddizioni, il Liverpool dei record si è affossato in estate, quando, per sostituire un campione come Suarez, ha puntato su una mezza comparsa come Balotelli, mentre il Manchester è stato vittima delle manie di protagonismo di Van Gaal. In queste condizioni solo il Chelsea poteva perdere la Premier.

LE TAPPE
Il Chelsea ha dominato la Premier fin dall’inizio: la prima parte di stagione dei Bleus è stata folgorante: dieci successi nelle prime tredici partiti con i pareggi nei big match contro le due squadre di Manchester. Trascinati da uno strepitoso Diego Costa (nove reti nelle prime sette gare di Premier, 17 nelle prime 19 partite), i Blues hanno ingranato subito la quarta. Il periodo critico la squadra l’ha avuta ad inizio anno. La scoppola contro il Tottenham nella gara di capodanno e il conseguente aggancio da parte del City hanno convinto Mou dell’importanza di tenere la barra ben dritta e di evitare eccessivi fronzoli, badando al sodo. Da quel momento è partito un altro ciclo micidiale: 11 vittorie su 15 partite, con i pareggi contro il City e l’Arsenal che hanno tenuto a bada i rivali ed il secondo successo stagionale contro i Red Devils di Van Gaal. In totale i Mourinho Boys hanno racimolato 25 vittorie, 8 pari ed appena 2 ko (oltre al Tottenham, l’altro tonfo è stato con il Newcastle).

I PROTAGONISTI
I protagonisti della cavalcata del Chelsea sono stati essenzialmente cinque: Courtois, Terry, Fabregas, Hazard e Costa. Il portiere e il difensore hanno blindato la difesa che è rimasta imbattuta in 17 gare su 35. I due spagnoli e il belga sono stati il braccio armato di Mou. L’ex Barcellona con 17 assist è lo specialista della Premier, il belga e l’ex Atletico cion 14 e 19 gol hanno assicurato i gol per il titolo.
Va detto che Mourinho, per lo più si sia affidato sempre agli stessi uomini. La formazione del Chelsea, infatti, si può recitare a memoria come quelle degli anni sessanta: Courtois;Ivanovic,Terry, Cahill, Azpilicueta; Matic, Fabregas; Willian, Oscar, Hazard; Costa. Le poche alternative dei Blues sono costate la Champions e alcune figuracce in Coppa, ma sono bastate per conquistare la Premier. Per quest’anno è più che sufficiente.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *