Redazione
No Comments

Il Grifone vola sognando L’Europa

Il Grifone vola sognando L’Europa
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Genoa è sicuramente una delle rivelazioni di questo campionato, mercoledì è arrivata l’ennesima gioia per i tifosi dopo un successo meritato alla scala del calcio. Gli uomini di Gasperini sono scesi in campo sin dal primo minuto con la voglia e cattiveria giusta, la squadra pressava alta non concedeva spazio agli avversari e ripartiva con grande velocità, le due punte Niang e Falque continuavano ad allargarsi per favorire gli inserimenti dei centrocampisti che salivano con grande tempismo. Schemi collaudati, in una formazione dove non ci sono titolari o riserve, ma dove chiunque scenda in campo sa cosa fare, la dimostrazione più tangibile arriva da Armando Izzo, lo scugnizzo di Scampia sfrutta ogni occasione che il tecnico gli concede, il suo punto forte è l’uno contro uno, in questa stagione spesso gli avversari che hanno cercato di passare dalla sua parte si sono dovuti arrendere, con in giovane talento napoletano che riconquistava palla e ripartiva, senza mai lanciare, giocando sempre con i compagni di reparto per costruire la manovra della difesa, legge fondamentale del tecnico di Grugliasco.

Milan-Genoa 1-3

Milan-Genoa 1-3

Un gruppo unito che lotta su ogni pallone cercando sempre di raddoppiare sugli avversari, perché tutti i giocatori si aiutano, a cominciare dagli attaccanti che ripiegano sempre fino alla loro aerea, i primi a fare pressing sui portatori di palla e seguirli ovunque vadano, lo sanno bene Perotti, Falque e Niang, il trio offensivo spesso a fine partita è stremato, dovendo fare tutt e due le fasi di gioco. Diego Perotti “El Diez”, come lo chiamavano in Argentina, è tornato sui livelli che gli avevano fatto conquistare la nazionale, dotato di un dribbling eccezionale spesso partendo dalla sua metà campo riesce a lasciarsi alle spalle due o tre avversari prima di arrivare al limite dell’aerea e far segnare i compagni, l’uomo in più di questa splendida stagione, “l’unica pecca è che segna poco” dicono a Genova, ma se il numero dieci fosse anche un goleador probabilmente sarebbe un marziano.

Esultanza dopo il goal di Niang

Esultanza dopo il goal di Niang

Mister Giampiero Gasperini sta facendo rendere al meglio tutta la rosa, e di recente ha dichiarato: “Spero che Preziosi che possa mantenere questo gruppo, è un valore che va oltre gli investimenti“. Un appello lanciato dall’allenatore al presidente per la prossima stagione, consapevole che facendo un piccolo sforzo e trattenendo intatta la rosa si potrebbe creare un ciclo, molti dei ragazzi che hanno tratto beneficio dalla cura Genoa hanno già dichiarato più volte di voler rimanere a sotto la Lanterna, vedi  Perin, Rincon, Bertolacci, Edenilson, Perotti, Falque, Niang. I tifosi ci sperano perché quest’anno si ha la sensazione che si possa fare quel salto che rimarrebbe nella storia del club più antico d’Italia, la gradinata Nord ogni domenica sostiene la squadra e dispensa cori per i propri beniamini che in questa stagione sono entrati nel cuore dei tifosi, uno dimostrazione d’affetto che a Genova non si vedeva dai tempi di Milito e Thiago Motta. A questo la palla passa al presidente, se il bilancio fosse regolare e non necessitasse di cessioni importanti per esser ripianato, sarebbe giunto io momento di confermare questi ragazzi e questo gruppo per continuare a far volare il Grifone in Europa,

Luca Minetti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *