Gianpiero Farina
No Comments

Perché la Lazio e più forte della Roma

Il gruppo e gli uomini chiave al top permettono ai biancocelesti di aver qualcosa in più

Perché la Lazio e più forte della Roma
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Lazio-Roma, il derby che non t’aspetti. Il secondo posto e la Champions League passano per la Capitale, ovviamente Napoli permettendo. E, se per i giallorossi c’è un po’ di delusione visto che l’obiettivo a inizio stagione era lo scudetto, i biancocelesti possono essere considerati la vera rivelazione di questo campionato e, sotto certi aspetti, sembrano addirittura essere più forti dei cugini. Vediamo quali.

Pioli ha conquistato l'ambiente Lazio.

Pioli ha conquistato l’ambiente Lazio.

LA FORZA DEL GRUPPO – E’ vero a volte il calcio vive di fiammate dei singoli ma esso rimane pur sempre uno sport di gruppo. E proprio il gruppo è uno dei punti in cui la Lazio prevale sulla Roma. Lo si capisce dai festeggiamenti ai gol in cui i giocatori si abbracciano, si cercano con gli sguardi e a volte anche Marchetti lascia la propria porta per unirsi ai compagni; lo si capisce dall’aria che si respira a Formello e dalle dichiarazioni nel post partita. Senza dimenticarsi di un Pioli che ha conquistato l’ambiente riportando i tifosi laziali allo stadio. Tutt’altro il clima in casa Roma con uno spogliatoio spaccato, un rapporto tra i giocatori e Garcia che è oramai deteriorato e una tifoseria insoddisfatta. Unità e compattezza: questo derby se lo aggiudicano i biancocelesti.

UOMINI CHIAVE – I giallorossi puntavano allo scudetto e uno dei motivi del fallimento è lo scarso rendimento degli uomini chiave. Totti incide sempre meno e oramai segna solo da fermo, Gervinho è la brutta coppia di quello ammirato lo scorso anno, Iturbe, pagato 30 millioni, si è rivelato un flop e anche lo stesso De Rossi a volte è tutt’altro che brillante. Altro discorso in casa laziale. La squadra di Pioli ha trovato in Parolo, Biglia, Mauri, Candreva, Klose e Felipe Anderson i trascinatori. Senza dimenticarsi dell’importante apporto Di De Vrij, Basta, Lulic e Cataldi. Perché a calcio si gioca in 11 ma se toppano i singoli diventa tutto più difficile. Il sunto qual’è? La Lazio in questo momento è più squadra della Roma e il secondo posto lo conferma. Per il resto sarà il campo a dare il giudizio finale. E lo darà quel 24 maggio in cui è in programma un derby che profuma di Champions.

Gianpiero Farina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *