Connect with us

Buzz

Non solo Carpi: le 5 promozioni in Serie A più clamorose del nuovo millennio

Pubblicato

|

La storica promozione del Sassuolo in Serie A

La favola del Carpi e del suo allenatore Castori sta coinvolgendo tutti, non tanto e non solo per lo smacco alle idee “controverse” del presidente Lotito, ma anche perché quella dei falconi è una di quelle storie che ricorda a tutti quanto può essere meraviglioso e appassionante il mondo del calcio; tuttavia la cavalcata dei biancorossi non è l’unica della storia, nel corso degli ultimi anni ce ne sono state tante altre ed è per questo che la redazione di SportCafe24 ha deciso di raccogliere per voi le 5 promozioni in Serie A più sorprendenti degli anni 2000: enjoy!

Zdnedek Zeman, autore della storia promozione in A del Pescara

Zdnedek Zeman, autore della storia promozione in A del Pescara

CHIEVOVERONA 2000-2001 : Inevitabile partire con la leggenda di questo quartiere scaligero che a partire dal dilettantismo e dai campi in terra è arrivato nel giro di pochi anni alla Serie A e addirittura, qualche tempo dopo, a una storica qualificazione in Coppa Uefa, il tutto ovviamente sotto la guida di due geniali “quattrocchi” come Gigi Del Neri, il coriaceo allenatore della squadra e Luca Campedelli, il presidente più silenzioso e intelligente d’Italia. A 15 stagioni di distanza il Chievo è ancora lì, solido e compatto come da tradizione e anche se i tifosi sono pochi e i soldi pure, può ancora dire di vivere il sogno della massima serie.

CESENA 2009-2010: Guidati da Pierpaolo Bisoli, i bianconeri della Riviera arrivano nel giro di due stagioni dalla Lega Pro alla Serie A, questo grazie a un’organizzazione di gioco compatta, agli investimenti del presidente, a diversi talenti che dopo diventeranno grandi giocatori come Giaccherini e Parolo, ma soprattutto grazie alla passione della gente che non è mai mancata al Manuzzi e tutt’ora, a un passo dal ritorno in B, non fa mai mancare il proprio apporto ai suoi beniamini.

NOVARA 2010-2011: Sulla falsa riga dei successi del Cesena, il Novara centra l’obiettivo della doppia promozione in due anni consecutivi e arriva nel massimo campionato vincendo dei playoff avvincenti quant’altri mai. I piemontesi avranno giusto il tempo di godersi un’unica, estemporanea stagione tra i grandi club dell’italico stivale, ma dimostreranno che con la programmazione e le strutture adeguate anche i più piccoli possono covare sogni di gloria.

PESCARA 2011-2012: Abbandonato da mister Di Francesco, il presidente Sebastiani decide durante l’Estate di affidare la guida dei suoi ragazzi alla folle saggezza di Zdnedek Zeman…e fa bene! Gli abruzzesi mostrano il miglior calcio visto in Italia da molti anni a questa parte, aiutati anche dal talento di due futuri fuoriclasse come Marco Verratti e Ciro Immobile e stravincono campionato di B. Nel giro di poche settimane, però, sia il boemo che i due gioielli lasciano l’Abruzzo ed è sostanzialmente lì che i tifosi realizzano che la stagione seguente terminerà con un’inevitabile retrocessione, come infatti accade, ma chissà, un domani Zemanlandia potrebbe risorgere.

SASSUOLO 2012-2013: Il patron Squinzi ha sempre fatto grandi investimenti e grandi sogni per il suo Sassuolo, ma purtroppo i risultati non sono mai arrivati, almeno fino all’arrivo sulla panchina neroverde del già citato Eusebio Di Francesco: il modulo offensivo e gagliardo dell’ex centrocampista di Roma e Piacenza piace tanto al pubblico quanto alla squadra che al suo interno vanta elementi giovani e promettenti, ma anche veterani in cerca di riscatto come ad esempio Simone Missiroli, l’uomo che con un goal al 96′ decreterà la vittoria del campionato di Serie B e la contemporanea promozione in A, la prima della storia del Sassuolo; se non è una bella storia questa…

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending