Connect with us

Basket

Playoff Nba: Memphis buona la quinta, Portland eliminata

Pubblicato

|

I Memphis Grizzlies, avanti nei Playoff Nba.

Game over. Al Fedex Center di Memphis si chiude la serie di questo primo turno di play-off tra Memphis Grizzlies e Portland Trail Blazers, con i padroni di casa che trionfano 99-93 aggiudicandosi il duello con un complessivo e roboante 4-1. Estremamente meritato il passaggio del turno da parte dei ragazzi di coach Joerger, assolutamente dominanti e convincenti contro degli avversari acciaccati fisicamente ed apparsi abbastanza scarichi. Ancora una volta ha fatto la differenza l’ottimo meccanismo difensivo dei Grizzlies, efficace contro gli attacchi di Lillard e soprattutto Aldridge, uomo franchigia che però in questa gara 5 ha faticato enormemente. A certificare il passaggio del turno ci hanno pensato le due stelle dei Grizzlies: Marc Gasol e Zach Randolph, i quali nella ripresa chiudono i giochi

Uscita di scena per il duo Aldridge-Lillard

Uscita di scena per il duo Aldridge-Lillard

EQUILIBRIO – Osservati sugli spalti da capitan Mike Conley, il cui occhio sinistro si presenta ancora tumefatto, i Grizzlies devono subito fare i conti con un CJ McCollum ancora scatenato dopo le ottime gara -3 e gara -4. Il numero 3 chiuderà con un high-score stagionale da 33 punti, di cui 21 derivanti da 7 triple su 11 messe a referto. Numeri davvero sorprendenti per una riserva. Purtroppo per i Blazers, però, il duo Lillard-Aldridge fatica enormemente e ciò limita molto la spinta degli ospiti, che chiudono sul 20 pari la prima frazione. Nel secondo quarto sale in cattedra il buon vecchio Vince Carter, che infiamma i tifosi di casa con un paio di giocate che fanno riportare la memoria ai tempi dei Toronto Raptors dei primi anni 2000, quelli in cui Carter era la stella indiscussa. Grazie alle giocate del numero 15, unite al fondamentale contributo di Courtney Lee (20 punti finali), i Grizzlies passano a condurre l’incontro 46-39 alla fine del secondo quarto, mettendo in discesa la gara e la via verso la qualificazione

WE DON’T BLUFF – Le maglie con cui Memphis conduce il riscaldamento recitano testualmente “We don’t Bluff”, ed è quello che decisamente si nota in campo. I Grizzlies sono squadra compatta ed estremamente coesa, un osso duro decisamente difficile anche per i candidati all’anello Golden State Warriors, prossimi avversari di Gasol e compagni. E’ proprio lo spagnolo a trascinare i suoi nella seconda parte di gara, grazie a 26 punti messi a referto uniti a 14 rimbalzi. Nel terzo quarto i Blazers tentano di rifarsi avanti con i punti di McCollum e Lillard, ma nell’ultimo quarto Memphis piazza un decisivo parziale di 9-0 condotto dallo spagnolo e da Jeff Green (10 punti, 7 assist) e poi chiuso da Zach Randolph, autore del canestro che a 3’30” dalla fine regala il +10 ai suoi. E’ la pietra tombale per le speranze dei Blazers, che pagano ancora una volta le difficoltà delle stelle Lillard ed Aldridge, autori di un complessivo e fallimentare 13/37 al tiro. Per Memphis è un’ affermazione autoritaria ed indiscutibile, che fa ben sperare per il futuro nonostante all’orizzonte si profili l’ingombrante immagine dei Golden State Warriors

Grizzlies: Gasol 26 punti, Lee 20, Randolph 16, Jeff Green 10 Assist: Allen e Calathes 4 Rimbalzi: Gasol 14

Trail Blazers: McCollum 33 punti, Lillard 22, Aldridge 14, Leonard 9 Assist: Batum 7 Rimbalzi: Batum 10

PAGELLE

Marc Gasol 8 – Senza ombra di dubbio il leader di questa squadra. Se la carica sulle spalle negli ultimi due quarti, conducendola alla vittoria con una doppia-doppia autoritaria. Efficace in attacco e solido in difesa: i Warriors sono avvertiti, sulla loro strada troveranno un giocatore affamato di successo

Randolph 7 – Ovviamente risponde presente anche “Zibo”. Il numero 50 contribuisce alla causa con 14 punti ma soprattutto con una strenua difesa che manda più volte in difficoltà i temuti Lillard ed Aldridge

Lee 7,5 – Nel post partita coach Joerger lo incorona: è lui l’MVP della serie. Sempre diligente, preciso e concentrato, il numero 5 mette a referto 20 punti con un pulitissimo 8/12 al tiro. I suoi punti permettono a Memphis di portarsi in controllo della gara nel secondo quarto, certificando così la qualificazione

Aldridge 5 – Si chiude mestamente la serie per la stella di prima grandezza di questi sfortunati Portland Trail Blazers, arrivati ai play-off mentalmente scarichi ma soprattutto fisicamente in emergenza. LaMarcus soffre terribilmente la difesa avversaria ed i 14 punti non bastano a cancellare una gara da 5/18 al tiro, dato terribilmente negativo che contribuisce alla sconfitta dei suoi

Lillard 6 – Dopo una gara 4 da autentico mattatore, il numero 0 mette a referto 22 punti in gara 5, ma finisce anche lui per soffrire i diabolici meccanismi difensivi dei Grizzlies, finendo la gara con 9/18 al tiro. Se non altro in questi ultimi due incontri è apparso decisamente migliorato rispetto all’avvio stentato di questa serie

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending