Gianpiero Farina
No Comments

La Lazio fa poker. Parma retrocesso

Partita chiusa già dopo sedici minuti

La Lazio fa poker. Parma retrocesso
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Lazio serve un altro poker dopo quello con l’Empoli e batte il Parma 4-o. Ritorno alla vittoria quindi dopo il ko con la Juventus e il pari casalingo con il Chievo di tre giorni fa. Di Parolo, Klose, Candreva nel primo tempo e Keita nella ripresa le reti. Ducali matematicamente retrocessi.

A VOLTE BASTA POCO – Bastano sedici minuti ai biancocelesti per chiudere la pratica. Bastano i ritorni di Cataldi e Parolo a centrocampo per ridare brillantezza e fluidità alla manovra. Ed è proprio l’ex di turno a sbloccarla alla prima vera occasione per i padroni di casa con una bordata da fuori area. Poi Klose e Candreva chiudono il discorso quando il cronometro segna il 16′. Difesa gialloblù colpevole e assolutamente da rivedere ma Lazio inarrestabile negli ultimi 30 metri. I capitolini sfiorano più volte il quarto gol già nella prima frazione.

Antonio Candreva, autore del gol del 2-0. Per il giocatore della Lazio si tratta dell'ottavo gol stagionale.

Antonio Candreva, autore del gol del 2-0. Per il giocatore della Lazio si tratta dell’ottavo gol stagionale.

ECCO KEITA –  Nella ripresa il ritmo cala e la squadra di Pioli gestisce con tranquillità ed intelligenza. Il poker arriva al minuto 81 con Candreva che offre a Keita una palla d’oro e per il giovane prodotto della cantera del Barcellona arriva il primo gol in campionato. 4-0 è un risultato senza appello che fa capire che questa la Lazio vuole a tutti i costi la Champions League. Assalto della Roma respinto e secondo posto confermato. Mancano cinque partite tra cui gli scontri diretti con i giallorossi e il Napoli che probabilmente decideranno il tutto. Un difetto? Riserve che non sembrano all’altezza dei titolari. Il Parma va in serie B ma complimenti per l’onore, la dignità  e l’orgoglio dimostrati. Una bella storia da raccontare in un calcio che ne offre sempre meno.

Gianpiero Farina

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *