Connect with us

Serie B

I giornali hanno bisogno di Lotito, non del Carpi

Pubblicato

|

Nonostante i risultati positivi, Lotito non è ben visto da buona parte della tifoseria della Lazio.

Carpi matematicamente in A dopo il pareggio col Bari. Pensiero dell’uomo comune: chi glielo dice a Lotito? Ma soprattutto: chi glielo dice ai giornali italiani?

Il problema grosso è che il Carpi, come disse Lotito, non porta pubblico televisivo e quindi soldi, poi ci pensarono le tv e i giornali a stravolgere le sue parole e a dire che Lotito si sarebbe messo in moto per escludere la squadra di Castori dalla corsa verso la B. Quelle polemiche furono ignobili ma necessarie: senza zuffe, chi lo vende più il campionato più deludente del mondo? E chi glielo spiega a tutti i giornalisti nostrani in perdita (vedere fatturato dei quotidiani sportivi per farvi una cultura) che da Carpi non ricaveranno niente se non una storia meravigliosa di passione e sacrificio che però non fa vendere copie?

SOFOCLE AL CONTRARIO – Il verso più bello della tragedia greca è di Sofocle che, vissuto nel V sec a.C., fece dire all’eroina Antigone, rea di aver sfidato la legge per onorare il suo affetto più caro, “io sono nata per condividere affetti, non odi”. La comunicazione di oggi è esattamente opposta. il casino e la rabbia fanno vendere molto di più degli esempi positivi e delle storie a lieto fine. Non servono, altrimenti non si potrebbe pontificare dalla propria tastiera né solleticare la pancia dei populisti.

Carpi, sei condannato: non hai nessun motivo per farti odiare. Buona fortuna per la serie A, ne avrai davvero bisogno

 

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending