Simone Viscardi
No Comments

Cuore Udinese, l’Inter vince 2-1 ma è rossa di Vergogna

L'Inter vince con Icardi e Podolski, ma l'Udinese in 9 fa una figura splendida. Friulani che escono tra gli applausi, sospiro di sollievo di Mancini

Cuore Udinese, l’Inter vince 2-1 ma è rossa di Vergogna
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

In 9 contro 11, sotto di un gol, domini il campo e meriti di vincere. L’Udinese riesce in un’impresa mai vista su un campo da calcio, uscendo sconfitta al termine di una partita che è uno spot per i veri valori del calcio. Al fischio finale è l’Inter a vincere, ma gli applausi sono tutti per i ragazzi di Stramaccioni. Bianconeri in inferiorità numerica dal 40′ del primo tempo, quando Domizzi già ammonito stende Hernanes in campo aperto. Gli uomini di Mancini attaccano in avvio di ripresa, e Kovacic si guadagna un rigore più che dubbio. Icardi, in ogni caso, realizza con la solita freddezza. Strada in discesa? Macchè, 2 minuti dopo è Totò Di Natale a firmare il pari con una giocata delle sue. Nerazzurri di nuovo avanti a testa bassa, mentre il nervosismo dell’Udinese porta anche Badu sotto la doccia per proteste. Il Mancio si gioca la carta Podolski, e il tedesco – in campo da pochi secondi – spedisce all’incrocio il pallone del 2-1. Il finale è incredibile, negli ultimi minuti c’è solo l’Udinese in campo, Piris e Kone hanno addirittura la palla del pareggio, ma il miracolo non si concretizza.

TOP&FLOP UDINESE

Allan, Udinese.

Allan, Udinese.

ALLAN voto 9 – Immenso. Con lui non è mai inferiorità numerica, ruba palla e riparte con una rapidità raramente ammirata in mezzo a un campo da calcio. Avesse anche il piede vellutato per sfornare qualche assist staremmo parlando di un fuoriclasse – MOTORINO

DI NATALE voto 7 – Immortale. A 38 anni raggiunge un certo Roberto Baggio (do you know?) a quota 105 gol in Serie A, e lo fa con tutte le armi della casa. Stop in rapidità, dribbling secco e destro all’angolino – SCUGNIZZO

PIRIS voto 6,5 – Benissimo nell’andirivieni sulla fascia, dove non soffre nemmeno senza la protezione dei compagni in 9. Nel finale avrebbe il pallone del pari, ma gli Dei del Calcio sono girati dall’altra parte – A UN PASSO DAL SOGNO

DOMIZZI voto 5 – Non doveva giocare, e forse sarebbe stato meglio. In palese difficoltà fisica, si prende due gialli di puro arrancamento, incanalando verso l’inferno la partita dei suoi – INFILTRATO

BADU voto 4 – Perdere la testa così, rovinando la serata ai suoi, è ingiustificabile – MALE MALE

TOP&FLOP INTER

KOVACIC voto 6,5 – Finalmente si rivede la visione di gioco ammirata ad inizio stagione, e alcuni recuperi di pura cattiveria. Dai che dai, forse la strada della ripresa è intrapresa – INCORAGGIANTE

PALACIO voto 6,5 – Quando si piazza largo è una spina nel fianco degli avversari. Le uniche occasioni create dallo sterile possesso palla in superiorità dell’Inter passano tra i suoi piedi – SAGGIO

PODOLSKI voto 6,5 – Si sblocca dopo 14 partite, segnando un gol bellissimo dopo averne sbagliati un’infinità. Sinistro splendido, un giocatore che se recuperato potrà essere l’uomo in più nel rush finale – ECCOLO

HERNANES voto 5,5 – Smette di giocare quando con la sua classe dovrebbe far sparire la palla. Ingiustificabile l’atteggiamento, e il fatto che Shaqiri sia in panchina è l’aggravante – MAH

MEDEL voto 4 – Impresentabile, arranca su Allan senza riuscire mai nè a prenderlo nè a stenderlo. Agghiacciante palla al piede, ma quello si sapeva – ADIOS

TABELLINO UDINESE-INTER 1-2

UDINESE (4-3-1-2): Karnezis; Widmer, Danilo, Domizzi, Piris; Allan, Pinzi, Badu; Guilherme (dal 44′ p.t. Guilherme); Thereau, Di Natale (dal 16′ s.t. Kone).  All. Stramaccioni.
INTER (4-3-1-2): Handanovic; D’Ambrosio, Vidic, Felipe, Santon; Guarin (dal 20′ s.t. Podolski), Medel, Kovacic; Hernanes (dal 45′ s.t. Gnoukouri); Palacio, Icardi. All. Mancini.
RETI: Icardi (R) e Podolski (Int); Di Natale (Udi)

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *