Connect with us

Basket

Playoff Nba: suicidio Bulls, Milwaukee riapre la serie sul 3-2

Pubblicato

|

I Bulls perdono gara 5 dei Playoff Nba riaprendo la serie

Partiamo con una statistica: mai nessuna squadra ha recuperato da un parziale di 3-0 nei Playoff Nba. Detto questo, i Milwaukee Bucks di Jason Kidd stanno sicuramente dando tutto per sfatare questo tabù… Ma almeno ieri notte, dai Bulls è arrivato più di un aiutino. D-Rose e compagni hanno infatti chiuso la gara tirando con il 34.4% dal campo, ma soprattutto con il 18.2% da tre, area che di solito è un punto di forza dei ragazzi di Coach Thibodeau. Si può quindi dire che con la pessima serata al tiro i Bulls si siano suicidati, riaprendo (forse) la serie, ma senza niente togliere a questi Milwaukee Bucks: una squadra giovanissima che sta mettendo cuore e anima in questa serie Playoff.

Michael Carter-Williams in azione contro Derrick Rose in questa notte di Playoff Nba

Michael Carter-Williams in azione contro Derrick Rose in questa notte di Playoff Nba

PUNTO A PUNTO – E’ così che sono stati i primi due quarti. Una partita tirata, senza grandi margini di vantaggio per nessuan delle due squadre, con i Bucks che hanno preso coraggio con il passare dei minuti, consapevoli dell’importanza della gara. Eppure la partenza era stata un 9-0 parziale per i Bucks che avevano ammutolito per un paio di minuti lo United Center di Chicago… Ma ci hanno pensato i soliti Gasol, Rose e Butler e riportare la gara sul 13-13 e successivamente a tenerla entro i due possessi per quasi tutto il tempo restante nel primo e secondo quarto. All’intervallo era quindi 52-49 Bucks, con un secondo tempo che si pregustava avvincente, ma… Ha vinto la paura di perdere.

STRAPPO BUCKS – Nel secondo tempo si è intuito quasi da subito che nella testa di molti giocatori in campo, la paura di perdere era quasi più forte della voglia di vincere. I Bulls hanno sbagliato tiri che avevano sempre realizzato fino ad ora in questa serie Playoff… E i Bucks ne hanno approfittato allungando il vantaggio a 76-70 a fine terzo quarto. E’ stato questo lo strappo decisivo, un +6 da cui i Bulls non hanno mai recuperato del tutto, perdendo di fatto la partita. Eppure sul 94-88 a 27″ dalla fine, i Bulls hanno preso ben tre tiri in cerca della disperata rimonta… Tutti puntualmente sbagliati da Mirotic, Butler e Snell. Ultimi 27″ che sono il simbolo della gara dei Bulls: mattoni su mattoni, Milwaukee tira meglio e vince, il basket in fondo è un gioco semplice.

TABELLINO:

CHICAGO: Gasol 25, Butler 20, Rose 13, Gibson 12 Assist: Butler 6, Noah 6 Rimbalzi: Noah 13, Gasol 10, Butler 10

MILWAUKEE: Carter-Williams 22, Middleton 21, Antetokounmpo 11 Assist: Carter-Williams 9 Rimbalzi: Henson 14, Pachulia 10

PAGELLE:

Tra i vincitori spicca Michael Carter-Williams (7,5), quando il ragazzo tira con queste percentuali è un arma letale: 10/15 al tiro, 22 punti, 9 assist e 8 rimbalzi… Se questo è l’effetto che Coach Kidd ha su di lui possiamo aspettarci di tutto in futuro. Bene anche Middleton (7) si conferma un ragazzo senza paura nelle grandi occasioni, tira con il 50% dal campo e mette 21 punti, ottimo. Delude leggermente Antetokounmpo (5,5) che non da il suo solito contributo a rimbalzo, lasciandone qualcuno di troppo nelle mani dei Bulls. Tra i padroni di casa il migliore è senza alcun dubbio Pau Gasol (7,5), lo spagnolo mette in campo tutta la sua esperienza ed è uno dei pochi a chiudere la partita con buone percentuali al tiro. Bene anche Noah (6,5) che segna punti, raccoglie rimbalzi e smista assist.. Completo come al solito. Meno bene Butler (5,5) e Rose (4,5) che in due tirano con un totale di 10/41, mattoni su mattoni quindi in quella che è senz’altro una serata no per loro, decisamente meglio però Butler che quanto meno da il suo contributo a rimbalzo.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending