Connect with us

Prima Pagina

Il Bologna ferma la corsa del Catania: al “Dall’Ara” termina 2-0

Pubblicato

|

Torna alla vittoria il Bologna nell’anticipo della 38.ma giornata contro il lanciatissimo Catania di Dario Marcolin che vede sfumare ogni piccola possibilità di raggiungere la zona play-off. Al “Dall’Ara” i rossoblu si impongono 2-0 grazie alle reti di Cacia e Sansone, autentico mattatore della serata. Con questa vittoria gli emiliani tornano momentaneamente al secondo posto in classifica e mettono pressione alle due rivali che saranno impegnate domani entrambe in trasferta.

CRONACA – Si gioca in una serata abbastanza fredda sotto una pioggia battente e la gara sicuramente ne risente in quanto ad intensità. Dopo pochi minuti sono i padroni di casa con Laribi, rientrante dalla squalifica, a rendersi pericolosi ma la conclusione del centrocampista del Bologna finisce sopra la traversa. Al 9′ di nuovo Laribi mette apprensione dalle parti di Gillet, stavolta la palla va a lato ma non di tanto. Al 19′ Morleo si prende un rischio affonda un tackle in area di rigore su Maniero, l’arbitro lascia proseguire. Al 30′ inizia il valzer delle ammonizioni, quasi come tre giorni fa contro il Bari, la squadra rossoblu si rende protagonista di una partita in cui saranno ben nove i gialli complessivi (di cui sei del Catania). Al 37′ la gara si sblocca: scambio tra Sansone e Cacia con quest’ultimo che scarica un destro perfetto che batte il portiere belga e porta la squadra di casa sul punteggio di 1-0. Poco prima finisse il primo tempo ancora Cacia prova a segnare la sua doppietta personale ma il bel stacco di testa termina alto di un soffio.La ripresa inizia sulla falsariga della prima frazione, tanto Bologna e poco Catania. Prima Casarini e dopo Sansone costruiscono due buone occasioni per il Bologna ma 59′ è Sauro ad avere una ghiotta chance per il pareggio, il difensore spreca di testa. Al 70′ episodio chiave del match: fallo di Calaiò a centrocampo su Gastaldello, l’arbitro lo ammonisce e l’attaccante napoletano non la prende benissimo e gli rivolge un insulto. L’arbitro La Penna in modo inflessibile senza pensarci due secondi esce il cartellino rosso e lo espelle. Catania costretto a giocare gli ultimi venti minuti sotto di una rete e di un uomo, come se non bastasse al 68′ Marcolin aveva deciso di togliere Maniero e far entrare Martinho rimanendo così senza un vero attaccante. Al 73′ il gioco viene interrotto per una decina di minuti a causa dello spegnimento di uno dei riflettori che illumina lo stadio, subito dopo la ripresa della gara (75′) il Bologna la chiude con Sansone abile a destreggiarsi al limite dell’area e battere un incolpevole Gillet. L’ultimo quarto d’ora è di ordinaria amministrazione per i rossoblu emiliani che centrano l’ottava vittoria casalinga e si preparano al meglio in vista della delicata trasferta di sabato al “Matusa” che potrebbe decidere le sorti del secondo posto. Per i siciliani sconfitta indolore quella di stasera in un campo difficile, dispiace aver interrotto la striscia di vittorie ma il pensiero fisso è raggiungere quota 50 punti, la soglia utile per salvarsi e con quattro gare da giocare non dovrebbe essere un problema arrivarci.

Roberto Cusimano

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending