Marco Scipioni
No Comments

Juve nel G4, i francesi piangono ancora

La Juventus raggiunge le semifinali di Champions League dopo un pareggio piuttosto privo di emozioni a Montecarlo: il sogno bianconero prosegue

Juve nel G4, i francesi piangono ancora
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Juventus supera anche il secondo ostacolo e si aggiudica le semifinali dell’edizione 2014-2015 della Champions League. Sconfitto quindi anche il Monaco che probabilmente si era aggiudicato il ruolo di rivelazione di quest’anno. Partita di ritorno senza troppe emozioni e con la Juventus in gestione della gara per ampi tratti, controllando la fase difensiva e affidandosi a saltuari contropiedi. La squadra di Jardim ha trovato evidenti difficoltà a causa dell’ottimo collocamento tattico fornito alla formazione bianconera da parte del tecnico livornese, Massimiliano Allegri, il quale ha costruito la qualificazione sulla base del modulo ormai consolidato dalla gestione Conte, il 3-5-2 che ha conferito maggiore densità in mezzo al campo e una compattezza più efficace. Monaco che ha tentato per quasi tutta la partita di tenere un ritmo elevato e di creare palle gol, ma si è scontrato contro una Juventus molto attenta e dunque i francesi si sono trovati costretti a provare le soluzioni da fuori area, quelle di Kondogbia e e Moutinho. Nel finale poi i padroni di casa sono ovviamente calati di rendimento e la Juventus si è imposta mantenendo un possesso di palla senza scoprirsi eccessivamente, nè in fase difensiva nè in quella offensiva. L’occasione migliore poi, per i bianconeri di Max Allegri, è arrivata dai piedi del solito fenomenale Pirlo, anche se non in condizioni perfette, come ammesso a fine partita dallo stesso allenatore, con una punizione che ha scheggiato l’incrocio dei pali.

EUROJUVE, LA SEMIFINALE È TUA – Il sogno della Juventus continua dunque grazie ad una mentalità europea acquisita in maniera repentina, soprattutto per merito dell’ex tecnico del Milan. I campioni d’Italia ora sono una delle quattro squadre più forti d’Europa e, sicuramente, la meno favorita per continuare il percorso che porta alla finale di Berlino. I bianconeri potranno approfittare certamente del silenzio e della mancanza di aspettative che accompagnerà la doppia sfida, puntando anche sulle pressioni che inevitebilmente saranno sulle spalle dei propri avversari, sulla carta favorita. Altro motivo importante per cui il sogno è possibile è anche quello relativo ad un campionato in cassaforte ed una finale di Coppa Italia che può attendere, dunque le energie psicofisiche potranno essere incanalate esclusivamente sul doppio confronto, a differenza di un Barcellona e un Real Madrid, nel caso uscirà tra loro due l’avversario della Juventus, che saranno impegnate nella conquista della Liga che li vedi distanti di soli due punti.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *