Kevin Brunetti
No Comments

Playoff Nba: Boston si perde alla distanza, ai Cavs anche gara 2

Boston ci prova con il cuore e con l'anima, ma non basta un eccellente Thomas... Irving domina anche Gara 2 e i Cavaliers conducono la serie per 2-0

Playoff Nba: Boston si perde alla distanza, ai Cavs anche gara 2
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Questi Cavaliers sono una spanna sopra i Boston Celtics. Nel caso non fosse chiaro già da Gara 1, LeBron & Co. hanno pensato bene di renderlo lampante questa notte, portandosi a casa Gara 2 prima di iniziare il viaggio verso Boston. I Celtics però hanno ben poco da rimproverarsi, dopo due quarti eccellenti che li hanno visti spesso condurre con un buon margine (+10 nel primo quarto, +9 nel secondo), i ragazzi di Coach Stevens si sono persi alla distanza e hanno pagato la differenza di tasso tecnico con superstar come Irving, James e Love.

LeBron James e Isaiah Thomas, entrambi eccellenti in Gara 2 di questi Playoff NbaLeBron James e Isaiah Thomas, entrambi eccellenti in Gara 2 di questi Playoff Nba

LeBron James e Isaiah Thomas, entrambi eccellenti in Gara 2 di questi Playoff Nba

BOSTON DI CUORE – L’unico modo che i Celtics hanno tutt’ora per battere i Cavaliers è giocare una partita praticamente perfetta, ma soprattutto, giocare una partita di cuore. L’esempio lampante sono i primi due quarti di ieri notte: ritmo elevatissimo, buona circolazione di palla, difesa tosta e non mollare un centimetro. I primi due quarti dei Celtics si riassumono così, soprattutto grazie alle prestazioni di Bradly, Smart, Turner e Zeller. Quest’ultimo però è un punto interrogativo: partito molto bene sia ieri sera che in gara 1, salvo poi sparire completamente nel secondo tempo. Per i Cavs invece ancora una volta i primi due quarti si sono dimostrati una sorta di riscaldamento. Sono arrivati un paio di canestri importanti da Love e Irving, oltre al solito, importantissimo, apporto di Mozgov sotto canestro. Nonostante ciò però, i Celtics hanno iniziato a soffrire negli ultimi minuti di secondo quarto, chiudendo il primo tempo sotto di uno sul 50-51.

SOGNI SPEZZATI – A inizio terzo quarto i Cavs hanno fatto subito capire a Boston come sarebbe finita la gara: dopo qualche minuto, alley-oop di James per Love da poco oltre la metà campo… Tutto il palazzetto in piedi. Subito dopo, alley-oop di Irving per James…. Quicken Loans Arena in delirio. A metà quarto i Cavs hanno chiuso la pratica o quasi, tripla di JR Smith e +13 sul tabellone… Ai Celtics serviva una svolta, puntualmente arrivata da Isaiah Thomas. Assist dopo assist, fino al canesto più fallo che è valso il parziale di -2 con 9′ da giocare. Negli ultimi 4′ però James e Irving prendono per mano i compagni e li trascinano alla vittoria 99-91. Ciò nonostante i Celtics sono rimasti in gara quasi fino all’ultimo, e con il Boston Garden a fare da sesto uomo… L’impresa in Gara 3 non è impossibile.

TABELLINO:

CLEVELAND: James 30, Irving 26, Mozgov 16, Love 13 Assist: James 7, Irving 6 Rimbalzi: Thompson 11, James 9

BOSTON: Thomas 22, Sullinger 14, Zeller 11, Smart 10, Crowder 10 Assist: Thomas 7 Rimbalzi: Turner 12

LE PAGELLE:

Voti ovviamente alti per le due superstar della gara: Irving (8) e James (7,5) sono i maggiori artefici della vittoria dei Cavs, soprattutto intorno alla metà e alla fine del quarto quarto dove le loro giocare hanno cancellato sul nascere la rimonta dei Celtics. Ottimo anche Mozgov (7) che ha portato punti importanti e il solito ottimo lavoro difensivo. Sottotono invece Jr Smith (5,5) e Love (5,5) da cui, soprattutto dal secondo, ci si aspettava nettamente di più. Tra i Celtics il migliore è ovviamente Thomas (7), seconda gara consecutiva in cui l’ex Phoenix Suns prende per mano la squadra nei momenti cruciali, peccato non sia supportato a dovere. Bene anche Crowder (6) e Zeller (6) che come sempre danno il loro onesto contributo alla causa. Insufficienti Bradley (5,5) e soprattutto Turner (5), da quest’ultimo ci aspettiamo sempre molto sul lato offensivo del gioco, ma nella notte, dopo un buon primo quarto, ha tirato con un pessimo 3/11 vanificando o quasi la sua buona prova in difesa.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *